Il partito preso delle cose<h3>La mia carcassa ora si chiama memoria.  (Sto tornando)</h3>a cura di Giulia Grechi

Il partito preso delle cose

La mia carcassa ora si chiama memoria. (Sto tornando)

a cura di Giulia Grechi

domenica, marzo 15, 2015

.. .. Ero nato per volare Il Museo per la Memoria di Ustica . Regia: Enza Negroni Prodotto da: Valeria Consolo Montaggio: Davide Pepe Musiche: Tiziano Popoli Fotografia: Tommaso Miglio Alexander Cicconi Testo: Marta Franceschini Voce: Roberto Pedicini

Il partito preso delle cose<h3>La natura umana delle cose II</h3>Taccuino. Corpo-a-corpo</h3>di Mario Turci

Il partito preso delle cose

La natura umana delle cose II

Taccuino. Corpo-a-corpo

di Mario Turci

domenica, marzo 15, 2015

Cara Giulia, come promesso ecco la seconda parte di “la natura umana delle cose”. In questo caso il mio tentativo è nel trattare le traiettorie esistenziali degli oggetti, che realizzandosi nel continuo e ordinario corpo-a-corpo con noi, sono parte sostanziale del nostro stare al mondo. Dopo Display e Lexicon di “La natura umana delle cose” […]

Il partito preso delle cose<h3>Endless repairs. Kader Attia. Piccola sceneggiatura in quattro atti</h3>di Giulia Grechi

Il partito preso delle cose

Endless repairs. Kader Attia. Piccola sceneggiatura in quattro atti

di Giulia Grechi

domenica, marzo 15, 2015

ATTO PRIMO – La cosa non è l’oggetto  . “Matter is never a settled matter. It is always already radically open” (Karen Barad)1  . Una stanza affollata di cose. Entrando, pur sapendo che si tratta di una installazione artistica (The Repair from Occident to Extra-Occidental Cultures di Kader Attia, realizzata per dOCUMENTA (13) nel 2012), […]

Il partito preso delle cose<h3>Objects to Stuff and Back: Materiality,Value, and the Politics of the Ordinary</h3>by Maurizia Boscagli

Il partito preso delle cose

Objects to Stuff and Back: Materiality,Value, and the Politics of the Ordinary

by Maurizia Boscagli

domenica, marzo 15, 2015

Materiality and the Logistics of Value      At this time of deep cultural and political crisis of the subject, what of the object? The status of the object as commodity, inextricably enmeshed with the human, seems to have taken the backseat in recent discussions of materiality. The current analysis of materiality speaks the language […]

Il partito preso delle cose<h3>L’objet de l’expographie</h3>Marc-Olivier Gonseth

Il partito preso delle cose

L’objet de l’expographie

Marc-Olivier Gonseth

domenica, marzo 15, 2015

Matériau par excellence de la muséographie, l’objet bénéficie à la fois d’un statut à part, étant au centre d’une abondante littérature mobilisant des savoirs techniques et des conceptions philosophiques sophistiqués (voir notamment Chaumier 2012 pour un tour d’horizon récent), mais semble par ailleurs résister à ces analyses dans la mesure où la plupart des musées […]

Il partito preso delle cose<h3>Five “tiny things” from The Institute for Infinitely Small Things</h3>di Paola Bommarito

Il partito preso delle cose

Five “tiny things” from The Institute for Infinitely Small Things

di Paola Bommarito

domenica, marzo 15, 2015

The Institute for Infinitely Small Things è un collettivo principalmente attivo a Boston che opera talvolta sotto la guida di kanarinka, James Manning, Jaimes Mayhew, Foresta Purnell o Nicole Siggins. Il gruppo è formato da artisti e non artisti, attivisti, curatori, studenti, antropologi, programmatori web, si costituisce dunque come vario e interdisciplinare e chiunque sia […]

Il partito preso delle cose<h3>Paesaggio. ìMaCo_Immaginario Materiale Collettivo. Un progetto per la Caffetteria del Sì</h3>di Elisa del Prete e Gaspare Caliri

Il partito preso delle cose

Paesaggio. ìMaCo_Immaginario Materiale Collettivo. Un progetto per la Caffetteria del Sì

di Elisa del Prete e Gaspare Caliri

sabato, marzo 14, 2015

Da alcuni anni sto lavorando a Bologna con un gruppo di persone. Ci siamo dati un nome, Re:Habitat e ci siamo costituiti anche in associazione nell’intento di sviluppare riflessioni, sperimentare idee e metodologie, e soprattutto alimentare tra di noi un continuo confronto sull’abitare i luoghi. Abbiamo anche un sito, www.re-habitat.org.      Con queste persone […]

Il partito preso delle cose<h3>Fictional design - writing ghost stories<h3>Il progetto delle cose secondarie</h3>di Marco Petroni

Il partito preso delle cose

Fictional design – writing ghost stories

Il progetto delle cose secondarie

di Marco Petroni

sabato, marzo 14, 2015

. “Un grido s’avvicina, attraversando il cielo. E’ già successo prima, pero’ niente di paragonabile a ora” Thomas Pynchon, L’arcobaleno della gravità   Le dinamiche culturali del nostro tempo si profilano come sempre più complesse, aggrovigliate e cercare di comprendere il filo che le tiene insieme appare un’operazione rischiosa ma non futile. Si può dire […]

Il partito preso delle cose<h3>Carole<h3>Storie dalla città</h3>di Carolina Farina

Il partito preso delle cose

Carole

Storie dalla città

di Carolina Farina

venerdì, marzo 13, 2015

che si faceva pigliandosi più persone per le mani e formando così di tutte un circolo. Carole – Storie dalla città #3. È l’ora che pia Questa Carola danza le storie della città trovate nella polvere, dimenticate lungo i marciapiedi, perdute nella fretta, gettate come un rifiuto, regalate all’ignoto e all’imprevedibile. Ciascuna di esse mi […]

Il partito preso delle cose<h3>L’anello di Kierkegaard e altri oggetti d’amore: il museo come autobiografia di una città</h3>di Anna Chiara Cimoli

Il partito preso delle cose

L’anello di Kierkegaard e altri oggetti d’amore: il museo come autobiografia di una città

di Anna Chiara Cimoli

venerdì, marzo 13, 2015

. “Il passato è ampiamente sopravvalutato”: così diceva Jette Sandahl, all’epoca direttrice del Museo di Copenhagen, in occasione della Inclusive Museum Conference del 2013.1 Lo diceva ultimando l’allestimento di Søren Kierkegaard: objects of love, works of love: apparentemente una mostra dal gusto quasi classico. Apparentemente classici, infatti, erano il contenuto (la biografia di un intellettuale), la […]

Il partito preso delle cose<h3>Oggetti orfani in viaggio</h3>di Arianna Ioli

Il partito preso delle cose

Oggetti orfani in viaggio

di Arianna Ioli

venerdì, marzo 13, 2015

  . Le cose restano, si dice. Curate, coccolate, amate gelosamente oppure rinchiuse in scatoloni, abbandonate nelle cantine o nei solai, corrose dall’umido o sbiadite dal sole, le cose muoiono molto lentamente e il più delle volte ci sopravvivono. Non si dice però di come al tempo stesso le cose sfuggano e, girovagando tra molteplici […]

Il partito preso delle cose<h3>The mother from Estremadura and the idea of a photographic icon</h3>by Erika Zerwes

Il partito preso delle cose

The mother from Estremadura and the idea of a photographic icon

by Erika Zerwes

giovedì, marzo 12, 2015

Abstract: This article intends to debate the notion of photographic icon based on the path taken by one single image. Made by David Seymour “Chim” along with many others, the image of a nursing mother from Estremadura was part of a photographic reportage made before the outbreak of the Spanish Civil War, in May 1936. […]

Tags:

Il partito preso delle cose<h3>Dal punto di vista delle cose. Rappresentazioni e classificazioni: feticci, enciclopedie, micromondi</h3>di Tommaso Guariento

Il partito preso delle cose

Dal punto di vista delle cose. Rappresentazioni e classificazioni: feticci, enciclopedie, micromondi

di Tommaso Guariento

mercoledì, marzo 11, 2015

Se le merci potessero parlare, direbbero: il nostro valore d’uso può interessare gli uomini, A noi, come cose, non compete. Ma quello che, come cose, ci compete, è il nostro valore. Questo lo dimostrano le nostre proprie relazioni come cose-merci. Noi ci riferiamo reciprocamente l’una all’altra soltanto come valori di scambio. Si ascolti ora come […]

Il partito preso delle cose<h3>La natura umana delle cose (display-lexicon)</h3>Dedicato a Ettore Guatelli (1921-2000)</h3>di Mario Turci

Il partito preso delle cose

La natura umana delle cose (display-lexicon)

Dedicato a Ettore Guatelli (1921-2000)

di Mario Turci

martedì, gennaio 27, 2015

… Cara Giulia, rispondo con piacere al tuo invito a pubblicare un testo per roots&routes nell’ambito del numero “Il partito preso delle cose”, proponendo due interventi. Uno per l’uscita del 1 febbraio ed uno per quella del 15 marzo. Seppur in due uscite, vorrei comporre un unico lavoro diviso in due interventi con nature diverse, […]

Il partito preso delle cose<h3>New development pathways: La ragione delle mani</h3>Piccolo saggio con oggetto allegato</h3>di Pasquale Napolitano

Il partito preso delle cose

New development pathways: La ragione delle mani

Piccolo saggio con oggetto allegato

di Pasquale Napolitano

lunedì, gennaio 26, 2015

«quella che si chiama la fine o la morte dell’arte non è altro che la crisi dell’oggetto come valore» G.C. Argan, 1980 . Questo piccolo testo vuol essere una tappa, solo parziale, all’interno di una delle “industrie creative” più vive del mondo. “La ragione delle mani” è un progetto artistico, che intende l’arte come forma di […]

Il partito preso delle cose<h3>Le parole e le immagini*</h3>Gli oggetti quotidiani in Magritte e nel Surrealismo belga</h3>di Viviana Gravano

Il partito preso delle cose

Le parole e le immagini*

Gli oggetti quotidiani in Magritte e nel Surrealismo belga

di Viviana Gravano

domenica, gennaio 25, 2015

*(Testo pubblicato nel catalogo della mostra da Magritte a Magritte, (a cura di Giorgio Cortenova e Charly Herscovici), Verona, Palazzo Forti, 6 luglio – 20 ottobre 1991, Gabriele Mazzotta Editore). . .   René Magritte, Les Mots et les images, in “La Révolution surréaliste”, n°12, Décembre 1929 . I movimenti d’avanguardia nati e sviluppatisi nell’arco […]

Il partito preso delle cose<h3>Intorno alle cose che restano*</h3>di Silvia Calvarese

Il partito preso delle cose

Intorno alle cose che restano*

di Silvia Calvarese

sabato, gennaio 24, 2015

La maggior parte del patrimonio conservato nei nostri musei è formato da oggetti; alcuni sono delle vere e proprie opere d’arte, dipinti, sculture, pensate per le pareti o i piedistalli di questi spazi, altri sono oggetti quotidiani che descrivono i “nostri usi e costumi”, i nostri mestieri, le “nostre tradizioni”, altri ancora provengono invece da […]

Il partito preso delle cose<h3>Sette oggetti d’affezione dell'artista Cesare Pietroiusti</h3>di Rossana Macaluso

Il partito preso delle cose

Sette oggetti d’affezione dell’artista Cesare Pietroiusti

di Rossana Macaluso

venerdì, gennaio 23, 2015

  Dispersione/Disseminazione dello Studio di Cesare Pietroiusti a cura di Paola Bommarito, Massimiliano Di Franca, Rossana Macaluso. 20 dicembre 2011, Studio di cesare Pietraiusti, Roma . § Asta  Nel settembre 2011, su iniziativa di Routes Agency, tre giovani curatori d’arte, tra cui me, Paola Bommarito e Massimiliano Di Franca, incontrano l’artista Cesare Pietroiusti rivolgendogli l’invito […]

Il partito preso delle cose<h3>Prometeo e il barone Bich</h3>di Vincenzo Bernabei

Il partito preso delle cose

Prometeo e il barone Bich

di Vincenzo Bernabei

giovedì, gennaio 22, 2015

Agli estremi confini eccoci giunti già della terra, in un deserto impervio tramite de la Scizia. Ed ora, Efèsto, compier tu devi gli ordini che il padre a te commise: a queste rupi eccelse entro catene adamantine stringere quest’empio, in ceppi che non mai si frangano: ch’esso il tuo fiore, il folgorio del fuoco padre […]

Il partito preso delle cose<h3>Frammenti in cerca d’autore</h3>di Roberta Riccio

Il partito preso delle cose

Frammenti in cerca d’autore

di Roberta Riccio

mercoledì, gennaio 21, 2015

. . “Mia madre teneva le forchette in un armadio: le aveva comprate quando il paese era allo sbando e nei negozi vendevano solo quelle. E non erano nemmeno di un materiale di qualità, ma per l’antenna andavano benissimo.” 1 . Così Vladimir Archipov inizia a descrivere l’idea che si nasconde dietro uno dei 220 […]

Older Entries