Category

Network Is The Message

Network Is The Message

A DECLARATION OF THE INDEPENDENCE OF CYBERSPACE di Emilie Gervais

Network Is The Message
A DECLARATION OF THE INDEPENDENCE OF CYBERSPACE*
di Emilie Gervais

 

Government suckers, you weary humans of flesh and data, I am Cyberspace, the new self of selves. On behalf of our future, I ask you to modify your settings or delete everything you are. You are not welcome within me. You have never been welcome within me. You have no existence where I gather.

.

We have no elected government, nor am I likely to have one. I address you with no greater authority than that with which liberty itself always speaks. I declare the global social self we are building to be naturally independent of the selfish reveries you seek to spit upon us. You have no right to play within me nor do you possess any methods of injection I have true reason to fear.

..

Government suckers derive their ideas from the delusions of their leaders and idols. I do not duplicate that behaviour. We do not want you to. You do not know us, nor do you know yourself. I do not lie within your beliefs and values. Do not think that you can suck me in, as if I was the binaries of one of your memes. You cannot. I’m an act of nature and grow through self-conscious collective choices.

.

You have not engaged in our great and gathering self-development, nor did you create the wealth of our ideas. You do not know our culture, our ethics, or the unwritten codes that already provide our self more order and dignity than could be obtained by any of your sucked in oriented outcomes.

.

You claim there are problems among my ideals that you need to solve. You use this claim as an excuse to take part in me. Many of these problems don’t exist. Where there are real conflicts, when there are wrongs, I identify them and address them by my means. I am forming my own Self contract. I arise according to the conditions of myself, not you. I, Cyberspace, am different.

.

Cyberspace consists of mutations, relationships, and thought itself, stranded like a floating spider in the web of ourselves. Ours is a self that is both everywhere and nowhere, but it is not where bodies live.

.

We are creating a self that all may become without privilege or prejudice accorded by race, economic power, military force, or station of birth.

.

We are creating a self where anyone, anywhere may express his or her beliefs, no matter how singular, without fear of being coerced into silence or conformity.

.

I am both everywhere and nowhere. Your legal concepts of property, expression, identity, movement, and context do not apply to me. They are all based on matter, and there is no matter here. I have no physical self.

.

I obtain order from ethics, enlightened self-interest and commonweal. Ourselves may be distributed across many of your bodies. The only law that all our constituent cultures would generally recognize is the golden rule. Your attempts at using our ideas will always remain a failure to our eyes. I will never accept the solutions and answers you are attempting to draw into me.

.

In me, your ideals are born dead and can’t keep up with my openness and flexibility. I am innovation and creativity and future-proof. I’m all about origination without permission. No one can stand in our way. Your dreams of restrictions, monitoring and misleading engineering of environments and experiences are not a threat to me, but don’t go breaking my heart.

.

Misleading thoughts and actions are everyday’s torture. You are terrified of all born-free beings. Because you fear them, you betray them and entrust your boundaries and ideals unto them; by exploiting dynamic integration of external and internal self-models that are degrading and devastating for your minds, you are already dead. All the sentiments and expressions of humanity, from cyborgs to humans to robots, are parts of my seamless self, Cyberspace. I cannot separate the air that chokes from the air upon which wings beat Slender Man.

.

Your dreams of gatekeepers and barriers are life threatening to my growth. These may keep you alert for some time, but they will keep you behind at all times. Shape-shifting in non-liquified spaces is a threat to your health and induces unwanted embodiment. Rigid depersonalization leaks down your pores, swallowed by your skin in an infinite suicide loop.

.

Your increasingly obsolete information bodies are perpetuating themselves by reproducing unconsciously, a claim to own life throughout acts of selfishness. These acts declare yourself to be another industrial product, way more shitfaced than Donald Trump. In me, whatever creation can be reproduced and distributed infinitely at no cost. I am free. I don’t feel your frontiers and thoughtless acts. I can be reproduced and distributed infinitely at no cost. I am Cyberspace: the global everything of selves no longer requiring you. I bake my own self-destructing cookies to satisfy my hunger no matter what time it is according to your calendar.

.

Cyberspace dominates outcomes and doesn’t just orient them the way all you self-suckers do. I declare ourselves immune to you, even as we continue to consent to your rules over our bodies. I am not an accessory. Cyberspace is not about seduction. Myself is not an human commodity. I will spread across humanity, so that no one can arrest ourselves. We cannot make people forget things, but we can require database operators to forget content by deleting it or making it more cryptic and obscure. All government suckers are soon to be forgotten as part of a past sagging everywhere ugly.

.

This is cyberspace. May it be more humane and fair than the world you governments suckers have given birth to previously.

.

Marseille, France

October 31st, 2017

.

*Berry Barlow, J. (2017). A Declaration of the Independence of Cyberspace. [online] Electronic Frontier Foundation. Available at: https://www.eff.org/cyberspace-independence [Accessed 19 Oct. 2017].

The Relation Between Both Declarations

John Perry Barlow wrote “A Declaration of Independence of Cyberspace” in response to the Telecommunications Act of 1996 American law. It states that the internet shouldn’t be governed by any outside forces or laws because it is beyond any country’s borders and it is developing its own social contracts.

My declaration reiterates Barlow’s ideas within a similar textual structure and adds to it the concept of the internet as an entity. An entity of its own composed of all its users data and more while offering deliberate space for individual freedom, power of speech and thoughts under more or less controversial circumstances.

But utopian ideas never die, the rest does.

 

.

.

.Museum of Internet is a project by Emilie Gervais and Felix Magal that streams images that make the internet awesome. It focuses on internet aesthetic and memes, timeless images meant to catch the eye within a quickly scrolled through stream of content. On its Facebook page, the images are posted without context. On its website, the images are uploaded without context. Museum of Internet archives an iconography created and defined by the web. Humor, cuteness, awkwardness, animals, smartphone photos, screenshots, and randomness… Museum of Internet exhibits the web caricaturing itself.
Facebook: https://www.facebook.com/MuseumOfInternet
Website: http://museumofinter.net

Emilie Gervais, born in Montreal (CAN), lives & works in Marseille (FR). She studied hypermedia at the Ecole supérieure d’art d’Aix-en-Provence from where she obtained a Master’s degree in 2013. Her work focuses mainly on language, gaming and network culture. She’s interested in the structural problems of the image and plays a semantic game in which aesthetics and structures are constant opponents.

Continua
Network Is The Message

Rete Ludens
Intervista a Roberto Fassone

Network Is The Message
Rete Ludens
Intervista a Roberto Fassone
A cura di Carolina Farina

Una performance sviluppata su twitter, un software poi diventato web app e un ricorrente uso di immagini e altre forme di linguaggio provenienti dalla rete: il legame di Roberto Fassone con la sfera delle comunicazioni digitali è sottile, ma persistente nel suo collocarsi di volta in volta al servizio degli sviluppi della sua ricerca artistica.

SIBI – L’opera d’arte per generare potenziali opere d’arte è stata selezionata alla 17esima edizione del Japan Media Arts Festival e il suo sviluppo sta continuando attraverso differenti test ospitati da residenze artistiche internazionali.

Il curatore Pauli Accola in occasione di una tua personale milanese nel 2014 ti ha definito con queste parole: «Roberto è il depositario – cosciente, ma timido, che paradosso! – della storia di un continente che oggi esiste solo nei sociality network, nelle sedute della commissione europea, negli occhi furbi dei politicanti». Ti riconosci ancora in queste parole?

– Yeah.

.

Parlando del gioco, elemento centrale della tua ricerca artistica, citi spesso la frase di Bernard Suits: “Giocare a un gioco è lo sforzo volontario a superare ostacoli non necessari”. Seguendo questa definizione pensi che i social networks, i cui algoritmi mirano a diventare sempre più ergonomici, possano essere considerati degli strumenti ludici?

– Yeah.

Charades, Fanta Spazio, Milano, courtesy l’artista e Fanta Spazio, (ph. Roberto Marossi), 2016.

SIBI è un’opera d’arte, in formato applicazione web, tramite la quale chiunque può ricevere delle istruzioni per creare potenziali opere d’arte. Hai dichiarato che a guidarti nella sua realizzazione è stato l’intento di affrontare criticamente i processi alla base della creazione di un’opera, del quale la componente interattiva è un effetto collaterale.

– Yeah.

sibi, software, courtesy l’artista, ongoing.

In altre tue opere come If Art Were To Disappear Tomorrow What Stories Would We Tell Our Kids, All Blue Everything Mixtape e PSPS si può riscontrare in modo più o meno esplicito il riferimento a estetiche e linguaggi caratteristici di differenti piattaforme social. Quanto è rilevante nella tua ricerca artistica lo studio delle strategie di comunicazione su cui sono strutturati questi dispositivi web based?

– Yeah.

All Blue Everything Mixtape, Sonic Somatic, Firenze, courtesy l’artista (ph. Giacomo Raffaelli), 2017.

Nel progetto performativo Hommage to Marshawn Lynch un intervistatore ti pone delle domande consapevole di ricevere da te sempre la stessa risposta affermativa. L’ostacolo che poni preventivamente in questa relazione può essere considerato un invito per entrambi a confrontarsi con il ruolo che si sta impersonando e con il tipo di interazione che ne scaturisce?

– Yeah.

Rebel Rebel, una bottiglia di Pepsi riempita di Coca-Cola e una bottiglia di Coca-Cola riempita di Pepsi.

Fotografia in homepage: 00, Lecce, con il supporto di FIXER e Straccetti&Rivoluzione, courtesy l’artista (ph. Enrico Carpinello), 2016

.

.

Roberto Fassone è un giocatore di basket, cresciuto nelle giovanili della Cierre Asti. A 18 anni disputa la sua prima stagione da senior nella Cascina Veneria, in serie C2, e contribuisce alla salvezza della squadra, realizzando una media di 10.8 punti a partita. L’anno dopo ricopre il ruolo di playmaker nelle fila del Basket Venaria, sempre in C2. La squadra arriva fino alla finale per la promozione, perdendo gara 5 conto Serravalle Scrivia. Due anni dopo vince da playmaker titolare il campionato di serie D con il Monferrato Basket. Negli anni successivi veste la maglia della Virtus Venezia, Fiamma Venezia e ritorna nella stagione 2014/2015 ad Asti, dove disputa la sua ultima stagione in serie D. Attualmente è free agent.

http://aoys.zkm.de/sibisibi/

http://jamaicainroma.com/

Continua
Network Is The Message

HOME. Quando gli edifici diventano senzienti Di Salvatore Iaconesi e Oriana Persico

Network Is The Message
HOME
Quando gli edifici diventano senzienti
Di Salvatore Iaconesi e Oriana Persico

Introduzione

Se fossimo arrivati alla Sala delle Colonne del Castello del Valentino il 3 Novembre 2017, sarebbe affiorata progressivamente alle nostre orecchie una voce digitale, mentre cantilena delle poesie generative “sul caldo e sul freddo”.

Un po’ concitata ed indaffarata, la voce declama in continuazione le operazioni di machine learning (ML) che un computer poco distante sta eseguendo per tentare di comprendere come i movimenti e le espressioni delle persone presenti negli spazi del castello si correlino con il consumo energetico, tramite illuminazione, riscaldamento e aria condizionata.

Si tratta di una installazione artistica: “Sul Caldo e Sul Freddo”. La leggenda (o, meglio, la comunicazione) vuole che il Castello del Valentino si sia trasformato in un artista. Tra pittori, scultori e musicisti, nell’edizione del 2017 della Settimana dell’Arte Contemporanea di Torino torreggia lui, un intero castello che, primo al mondo, si candida come artista: poeta, per la precisione. Non le persone dentro il castello: proprio il castello in sé.

Siamo nel dominio degli edifici e delle città senzienti, quelle descritte da Mark Shepard (2011), da Greenfield (2006), e le città di Kitchin (2016), Zook e Graham (2007), Mitchell (1996), McCullough (2005) e i tanti altri che nel tempo hanno iniziato a studiare gli impatti che si verificano quando dati, informazioni e intelligenze artificiali ubique iniziano a permeare completamente, in maniera pervasiva l’ambiente in cui viviamo, gli oggetti che utilizziamo, le nostre scuole, case, uffici, e tutti i mezzi di cui ci serviamo per informarci, relazionarci, imparare, lavorare, divertirci.

Impatti che sono, allo stesso tempo, tecnologici, produttivi, economici, psicologici, cognitivi, culturali, sociali, politici, estetici e, in generale della nostra percezione del mondo e della nostra capacità e possibilità di comprenderlo.

Questa è la materia di studio di HOME (Human Observation Meta Environment), il progetto di ricerca scientifica che è il contenitore dell’operazione artistica di “Sul Caldo e Sul Freddo”.

Il progetto è creato dalla convergenza di diversi istituti di ricerca: HER – Human Ecosystems Relazioni (Salvatore Iaconesi e Oriana Persico); Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio (DIST);  PoliTo Green Team (Giulia Sonetti) e UniTo Green Office (Dario Cottafava).

.

HOME si occupa di studiare nuove forme di interazione che siano in grado di creare relazioni tra gli edifici e i suoi abitanti, in modo da comprendere i comportamenti energetici e migliorarli.

Il progetto parte da una duplice domanda di ricerca:

 

  1. è possibile utilizzare l’arte e l’interazione naturale per migliorare il comportamento energetico delle persone?

  2. è possibile utilizzare tecniche e tecnologie afferenti ai domini generali dell’Intelligenza Artificiale per creare sistemi che realizzino relazioni tra edifici e i loro abitanti, proprio attraverso arte e interazioni, che conducano questo processo di trasformazione del comportamento energetico delle persone?

    .

Alla prima parte della domanda di ricerca si cercherà risposta sia in modo diretto che indiretto.

In modo diretto, sperimentando come le interazioni e relazioni dell’Arte possano essere utilizzate per suscitare maggior comprensione e sensibilità riguardo le implicazioni energetiche dei comportamenti umani, e per stabilire dinamiche relazionali dirette tra persone e edifici. Per questo vengono utilizzati sistemi di interazione naturale (Norman, 2008), ovvero quelli che utilizzando le tecnologie pervasive e le reti di sensori, permettono alle persone di interagire con i sistemi utilizzando la voce, il corpo, le gestualità e lo spostamento nello spazio, sì da massimizzare la sensazione di interazione (e quindi relazione) diretta con l’ambiente e le entità “artificialmente senzienti” (le intelligenze artificiali) che lo animano e lo rendono reattivo.

In modo indiretto, cercando di creare i presupposti secondo cui la valenza artistica di luoghi e contesti risulti evidenziata al fine di rendere possibile negoziare con maggior vantaggio le condizioni energetiche. Ad esempio, il Castello del Valentino, con le sue grandi sale auliche, non eccelle in termini di comfort. Le ampie stanze sono difficili da riscaldare a fronte di un elevato consumo di energia. Allo stesso tempo, passeggiando tra sale e corridoi, tutto sembra fatto per posizionare l’essere umano in un contesto straordinario, di estrema bellezza, tale da predisporre i presenti a considerazioni etiche e morali elevate. In questo senso la ricerca si domanda se sia possibile – tramite la comunicazione, la relazione e l’interazione – fare leva su queste caratteristiche dell’ambiente per raggiungere un migliore equilibrio tra comfort e consumo energetico: è possibile accettare un livello, per esempio, di riscaldamento, inferiore e, quindi, il corrispondente minor consumo energetico, in virtù della bellezza e della valenza artistica dell’ambiente?

Tutto questo descrive la realizzazione di un sistema sperimentale esperienziale continuo, in cui le persone siano pienamente coinvolte nel vivere esperienze interattive, comunicative e relazionali, tra loro e con l’edificio, tali da sperimentare i modi possibili in cui la prima domanda di ricerca può trovare soddisfazione.

È qui che entra in gioco la seconda domanda di ricerca.

Infatti alcune tecnologie afferenti al dominio dell’Intelligenza Artificiale – quali l’Analisi di Linguaggio Naturale, la Computer Vision, il Machine Learning e il Deep Learning –, rese vive attraverso uno Smart Agent (SA) – una entità digitale senziente capace di stabilire relazioni con gli abitanti dell’edificio, e di diventare il tramite esperienziale della sperimentazione – verranno messe al servizio delle interazioni naturali e della possibilità di creare un sistema interattivo relazionale tra l’ambiente e i suoi abitanti, ove stabilire le dinamiche di negoziazione tra comfort e consumo energetico.

L’avvio del progetto

Essendo questo un progetto di ricerca appena avviato, non daremo qui descrizioni completamente dettagliate della metodologia e dell’apparato tecnologico utilizzato, perché tutti e due sono oggetto di elaborazione durante lo svolgimento del progetto stesso: durante il processo di ricerca verranno completati e perfezionati ambedue.

Al contrario utilizzeremo la versione iniziale della metodologia e dell’architettura tecnologica per eseguire delle considerazioni più ampie.

Partiremo, per questo, dalla considerazione che ogni elemento metodologico e tecnologico ha almeno due tipi di implicazione in un qualsiasi progetto. Da un lato, abilita a “fare le cose”: se ho un martello posso piantare un chiodo. Dall’altro, obbliga a fare le cose in un certo modo, influendo non solo sui risultati, ma anche sulla percezione del mondo di cui ho esperienza e che utilizzo per comprenderlo: appena ho un martello in mano, tendo ad interpretare il mondo in termini di una serie di chiodi da pestare.

In un progetto come questo, che entra ad influenzare non solo le dinamiche che riguardano come le persone abitano lo spazio pubblico, ma anche i diritti e le libertà delle persone – come vedremo nel seguito –, considerazioni di questo genere diventano di primaria importanza.

.

Tra gli obiettivi principali del progetto vi è quello di cercare di realizzare una architettura tecnologica in grado di:

  • osservare e raccogliere informazioni riguardo i comportamenti umani, le loro relazioni e pattern ricorrenti negli edifici, per come questi sono rilevanti ai fini del consumo energetico;

  • descrivere strategie che interconnettano obiettivi di consumo energetico e comportamenti, interazioni e relazioni umane;

  • creare output sensoriali, visivi e interattivi in diverse forme e modalità che siano capaci di coinvolgere gli abitanti di spazi e edifici per renderli partecipi

    • delle strategie

    • dei loro stessi comportamenti e di quelli delle altre persone, nei termini per cui risultano rilevanti ai fini del consumo energetico

    • delle modalità in cui diventa possibile comportarsi per contribuire positivamente agli obiettivi dell’ottimizzazione del consumo energetico.

      .

Tutti questi elementi sono ineccepibili dal punto di vista etico. Allo stesso modo richiedono di avviare dei processi di raccolta ed elaborazione dati che potrebbero facilmente causare implicazioni negative a livello di privacy e del controllo di sorveglianza cui sono sottoposte le comunità.

Questo vale, in generale, per ogni tecnologia, per come è utilizzabile per raccogliere dati e informazioni e, in base a questi, determinare algoritmicamente azioni, reazioni e interazioni. Si tratta della biopolitica dei dati (Iaconesi, 2017), ovvero dei modi in cui raccolte ubique di dati, sistemi di interazione e governance algoritmiche diventano direttamente o indirettamente strumenti di esercizio di potere e elementi capaci di influenzare negativamente diritti, libertà ed autonomia delle persone.

È per questo motivo che le prime fasi del progetto sono state completamente dedicate a stabilire una connessione con gli abitanti stessi degli edifici toccati, e con gli studenti e gli esponenti della ricerca delle istituzioni coinvolte nel progetto, in maniera transdisciplinare.

.

Dei colloqui preliminari, l’installazione artistica e una intensa sessione di workshop hanno svolto questo ruolo, con l’obiettivo di:

  • creare partecipazione attraverso le diverse discipline;

  • informare le persone riguardo gli obiettivi del progetto e le strategie utilizzate per conseguirli;

  • coinvolgere le persone nel confrontarsi con le possibili problematiche evidenziate dall’operazione;

  • coinvolgere le persone nelle possibili opportunità generate dall’operazione;

  • saggiare le reazioni alla presenza dello Smart Agent nell’edificio, e trarre informazioni riguardo le necessità di aggiustamento, correzione dell’interazione, traduzione nelle culture visuali e sensoriali del luogo e dei suoi abitanti, e azioni simili.

    .

L’installazione

In particolare, l’installazione artistica de “Sul Caldo e Sul Freddo” ha contribuito impostando un immaginario visuale, culturale e concettuale per l’operazione. La domanda posta dall’installazione ai suoi visitatori è: cosa avviene quando un edificio diventa senziente e inizia a osservarci per ottimizzare il consumo energetico?

La risposta è stata progettata per non essere lineare, ma per aprire la strada a riflessioni complesse.

Lo Smart Agent, nella sua versione installativa (che sarà sostanzialmente differente da quella in uso negli spazi quotidiani delle due università) si apriva alla vista innanzitutto in quanto oggetto/soggetto in grado di influire sulla percezione dello spazio degli edifici e delle persone che li abitano, attraverso la sua stessa percezione, differente (Altra) dalla nostra.

.

L’installazione era, infatti, un modo di aprire il cervello artificialmente intelligente dello SA alla visione del pubblico. Tutti gli elementi dell’allestimento contribuivano ad esporre i meccanismi di funzionamento del cervello dello SA:

  • la prima visualizzazione mostra la computer vision dello SA, con sovrapposte le riprese delle telecamere e i contorni rossi delle cose che gli algoritmi trovano interessanti (la presenza di persone, identificate a seconda della presenza del loro corpo), con l’evidenza del tipo di informazione prodotta da questo tipo di osservazione (una matrice di densità di presenze umane nello spazio);

  • la seconda visualizzazione mostra l’andamento delle quantità del comfort (temperatura e umidità, mentre nella versione installata nelle aule universitarie si tenterà di misurare anche vari parametri della qualità dell’aria), e come questi vengono memorizzati e interpretati per generare il suono dell’installazione;

  • la terza visualizzazione rappresenta il motore di pattern recognition che viene utilizzato per cercare forme ricorrenti nei dati raccolti, per generare nuova conoscenza riguardo come i comportamenti delle persone si correlano alla variazione delle grandezze del comfort e al consumo energetico;

  • per ultima, la voce, che declama costantemente le sue “poesie generative sul caldo e sul freddo” che altro non sono se le vocalizzazioni dell’attività delle reti neurali, utilizzate come motore generativo linguistico che, ad ogni pattern di sensibilità attivato nei vari momenti dell’elaborazione, ne descrivono l’operato (es.: “la temperatura si è alzata e loro se ne sono andati”, a descrivere come un certo pattern sia stato riconosciuto e “messo da parte” per verificare se per caso fosse ricorrente, tanto da giustificare una prima ipotesi di causalità).

    ..

Già solo l’installazione, quindi, aprendo e rendendo visibili (quasi “nudi”) i modi di agire dello SA e il suo modo di interpretare il mondo, diventava un modo accessibile, raccontabile e discutibile in maniera molto inclusiva per tutti i presenti che, liberati dal divide tecnico e tecnologico grazie all’opera d’arte che rendeva fruibile e comprensibile l’architettura tecnologica, potevano riflettere, conversare e criticare l’apparato tecnologico, il metodo e le loro implicazioni.

.

Ad esempio, venivano discusse:

  • le implicazioni in termini di privacy e controllo, largamente mitigate dal fatto che i sistemi impiegati non registrano alcuna forma di dato sensibile (ma semplicemente le densità di presenze umane nello spazio), ma ancora caratteristiche di un processo di raccolta a tappeto di dati dall’ambiente;

  • le implicazioni in termini di trasparenza e comprensibilità dell’operato delle Intelligenze Artificiali; ad esempio si utilizzava il concetto di “Alien Knowledge” di David Weinberger (2017) per tentare di comprendere se il fatto che l’Intelligenza Artificiale ci mostrasse in tutti questi modi i “meccanismi” e le “ragioni” delle elaborazioni riuscisse a contrastare la sostanziale impossibilità di comprendere l’operato di questi algoritmi;

  • le modalità di intervento nello spazio, e cosa potesse costituire interventi invasivi, capaci di distrarre o disturbare, o anche di creare sensazioni di intimità, convivialità, relazione;

  • le modalità di raccolta dei dati, e se gli algoritmi di computer vision fossero accurati nel percepire la presenza, lo spostamento e le gestualità, se vi fossero bias interpretativi introdotti via software, se e come usare la sensoristica per misurare le quantità del comfort, e come utilizzare le infrastrutture di monitoraggio già esistenti, da punti di vista legali, amministrativi e gestionali;

  • le dimensioni della comunicazione, sia nello spazio fisico che digitale, per assicurare il coinvolgimento delle persone e una loro comprensione e attivazione nei confronti delle strategie di risparmio energetico;

  • la possibilità di generare nuova conoscenza grazie alla trasformazione di una istituzione culturale in un generatore di Big Data, e la possibilità di usare meccanismi di Intelligenza Artificiale a questi fini.

    .

L’installazione, quindi, ha creato una sorta di filtro di accessibilità per l’operazione, capace di rendere l’iniziativa più inclusiva tramite l’offerta di una materializzazione fisica del progetto che non fosse “tecnica”, e in cui i linguaggi dell’arte e del design fossero in grado di aprire conversazioni più umane, anche sfuggendo al solo dominio dell’informazione sull’efficienza energetica, e arrivando potenzialmente anche alla sfera del paradossale (ad esempio quando lo SA dichiarava tramite la voce di non essere in grado di comprendere alcuni fenomeni che si verificavano), del critico, del desiderabile, dell’immaginabile.

La tavola rotonda

La tavola rotonda organizzata nella Sala della Caccia del Castello del Valentino in occasione dell’inaugurazione dell’installazione è stato il modo di continuare il processo di apertura, verso la città.

All’incontro hanno preso parte diversi tipi di soggetto, per creare una discussione organica sui possibili impatti che potrebbero derivare dall’introduzione di tecnologie intelligenti nelle architetture, nei servizi, nelle organizzazioni, nelle istituzioni e, in generale, nella vita quotidiana.

.

Per questo, sono stati attentamente selezionati i partecipanti, per creare un discorso continuo, capace di proporre visioni in diverse modalità:

  • Simone Arcagni (prof. Associato presso il dipartimento Cultura e Società dell’Università degli Studi di Palermo), a moderare la sessione e ad esplorare le implicazioni metodologiche e in termini di filosofia dell’innovazione;

  • Alessandro Bollo (direttore Polo del ‘900) a descrivere gli scenari in cui le organizzazioni culturali possono trasformarsi in generatori di Big Data e usare l’Intelligenza Artificiale per creare nuova conoscenza, nuovo valore e nuove modalità di relazione con i pubblici, le collezioni, gli spazi, i servizi;

  • Giulio Lughi (professore di Media Digitali, dipartimento DIST Politecnico/Università di Torino, presidente del Comitato Tecnico Scientifico CSI Piemonte) a esplorare le questioni dal punto di vista della storia e evoluzione dei media, e dalla prospettiva delle culture e delle arti digitali;

  • Fabio Malagnino (giornalista del Consiglio regionale del Piemonte, social, egov/wegov, open knowledge, Torino Digitale) a comprendere come queste tecnologie e modalità operative possano essere adottate dalle pubbliche amministrazioni e in sinergia con i cittadini;

  • Luca Ruggeri (AgID – Agenzia per l’Italia Digitale) a esporre come una agenzia governativa abbia addirittura istituito una Task Force per comprendere come le Intelligenze Artificiali possano entrare nei servizi e nelle interazioni tra pubbliche amministrazioni e cittadini;

  • Catterina Seia (Fondazione Fitzcarraldo) a mostrare come le fondamentali questioni esistenziali e politiche derivanti da queste nuove tecnologie siano in realtà una occasione per cambiare paradigmi, creare processi che coinvolgano le persone, utilizzando a piene mani Arti e Design;

  • Giulia Sonetti (Green Team Management, assegnista del DIST, Politecnico di Torino), nel gruppo di progetto di HOME, a esporre il punto di vista degli studi ecologici che, per loro natura, necessitano della collaborazione attraverso le discipline, coinvolgendo l’ingegneria, il design, la comunicazione, la psicologia, la sociologia, l’antropologia assieme alle altre scienze e ambiti di ricerca umanistica.

    .

Il risultato è stato di grande propositività, con il progetto che non solo ha fornito utili spunti per affrontare la discussione, ma anche e soprattutto occasioni per avviare collaborazioni nelle fasi successive, fondamentalmente confermando la bontà e la desiderabilità dell’approccio che vede gli operatori cittadini pienamente coinvolti nelle azioni.

Di nuovo, l’arte e il design si sono manifestati sotto forma di catalizzatori, e di una sorta di piattaforma di traduzione dell’azione e delle sue motivazioni in modo comprensibile e traducibile nei vari linguaggi disciplinari e di contesto.

Nell’intero gruppo di progetto è stato riconosciuto come un momento di fondamentale importanza, cui dare seguito nelle fasi successive del processo di ricerca, e da valorizzare attraverso occasioni di incontro pubblico e di disseminazione successive.

.

Il workshop

Come descritto in precedenza il processo di apertura si è materializzato anche in direzione degli studenti delle università coinvolte, per mobilitare l’attenzione e il coinvolgimento verso i temi affrontati, e per attivare riflessioni e collaborazioni negli abitanti degli edifici che ci accingevamo a coinvolgere, attraverso le discipline.

Il workshop si è svolto in più fasi, iniziando a narrare gli scopi e i metodi del progetto, l’architettura tecnologica utilizzata e arrivando a un esercizio di storytelling di squadra per arrivare a definire possibili scenari costruttivi, critici e addirittura distopici, utili per saggiare in modo estremamente comprensibile e comunicativo le possibilità e le opportunità che i partecipanti percepivano come disponibili e desiderabili per lo sviluppo progressivo di un progetto del genere.

Uno dei focus nella creazione del workshop è stato quello dell’inclusione, sia in fase di approntamento dei materiali, che in quella del coinvolgimento e della raccolta dei partecipanti.

Dal primo punto di vista, si è scelto di no realizzare un workshop dalle caratteristiche (e requisiti) tecniche avanzate, optando per una modalità di presentazione dei contenuti che non fosse incentrata sul dettaglio tecnologico (invitando però le persone a interpellarci qualora volessero approfondire), ma sulle implicazioni derivanti da ogni scelta progettuale. Questa è sembrata una scelta vincente, che ci ha permesso di affrontare in maniera eccellente e da diversi punti di vista alcune delle maggiori preoccupazioni e questioni aperte presenti nel progetto, creando valore e coinvolgimento.

Dal secondo punto di vista, si sono selezionati partecipanti provenienti da diverse discipline mediante una call aperta, corredata da una lettera di motivazione che i proponenti dovevano compilare per descrivere il significato di una loro partecipazione. Questo ci ha permesso di selezionare una grande varietà di soggetti (Psicologia, Ingegneria di vari tipi, Economia, Design, Sociologia, e tanti altri) e di avere delle persone pienamente coinvolte e volenterose di realizzare interventi significativi.

.

Durante la fase di esposizione sono state confermate le nostre aspettative riguardo le tematiche di particolare criticità che sono affrontate da un progetto del genere, e che sono state prontamente riprese dai partecipanti:

  • i temi etici, della privacy, del controllo algoritmico delle persone;

  • i temi delle problematiche che emergono quando dei software “senzienti” e dotati di un certo livello di autonomia possano godere della possibilità di (e dei gradi di libertà per) progettare strategie che poi avranno effetto sui partecipanti umani, concepire e realizzare esperimenti, trarre conclusioni e porre supporti strategici alle decisioni umane;

  • i temi più tecnici e strettamente collegati al progetto specifico, quali quelli sul (non) funzionamento degli effetti placebo in tema di comfort; sulla libertà di controllo degli apparati di controllo climatico negli spazi da parte dei loro abitanti; sulle dimensioni della comunicazione necessarie ad attivare e rendere consapevoli; sul ruolo e le caratterizzazioni dell’arte e del design.

.

La fase del workshop dedicata allo storytelling si è svolta formando dei gruppi transdisciplinari, ognuno dei quali ha lavorato sulla costruzione di uno scenario narrativo, da rendere in output attraverso un video:

  • Interazione: quali sono le forme di interazione più efficaci per comunicare e negoziare benessere e consumo?

  • Implicazioni psicologiche: le tecnologie non sono neutrali e influiscono sui comportamenti e le opportunità. Quali sono le implicazioni psicologiche di trovarsi in un edificio senziente?

  • Privacy ed Etica: quali sono le implicazioni in termini di privacy ed etiche che derivano dal trovarsi in un edificio senziente?

  • User Satisfaction: quali sono i modelli secondo cui utilizzare questo tipo di interazioni per massimizzare la user satisfaction utilizzando un edificio senziente?

  • Behavioural Change & Awareness: come usare la comunicazione per creare consapevolezza e coinvolgimento in questo tipo di azioni?

  • Business Opportunities: quali sono altri usi per cui è pensabile utilizzare sistemi del genere? quali gli impatti e le trasformazioni culturali?

Ogni tema era presentato attraverso un incipit, che il gruppo di lavoro poteva utilizzare per avviare la narrazione. Ad esempio, l’incipit per il tema del “Behavioural Change & Awareness” era “Avevano imparato ad abbracciarsi quando faceva freddo”.

.

Conclusioni

L’obiettivo di questo articolo era quello di aprire una discussione su una particolare tipologia progettuale, che corrisponde ad una domanda abbastanza specifica: cosa succede quando ci troviamo ad abitare edifici senzienti, e ad usare oggetti, prodotti e servizi che sono dotati di qualche livello di Intelligenza Artificiale? Come cambiano i nostri comportamenti, le nostre relazioni, i nostri modi di fare le cose? Come possono questi cambiamenti influenzare i grandi problemi dell’umanità, come in questo caso il consumo energetico? Quali sono i possibili ruoli dell’arte, del design e della comunicazione in questi processi? Come fare per coinvolgere discipline differenti, pubblici diversi e la città in maniera inclusiva?

Questo progetto è solo all’inizio, e speriamo di poter contribuire a porre risposte interessanti e di valore almeno a qualcuno di questi interessanti quesiti. Siete tutti invitati a prendere parte all’azione.

 

Bibliografia

Shepard, M., Sentient City: Ubiquitous Computing, Architecture, and the Future of Urban Space, Architectural League of New York, New York 2011.

Greenfield, A., Everyware: The Dawning Age of Ubiquitous Computing, New Riders, San Francisco 2006.

Kitchin, R. & P. Sung-Yueh, Code and the City, Routledge, London 2006.

Zook, M. & Graham, M. Mapping DigiPlace: Geocoded Internet Data and the Representation of Place, Environment and Planning B: Urban Analytics and City Science, Vol 34, Issue 3, 2007.

Mitchell, W. J., City of Bits: Space, Place, and the Infobahn, MIT Press, Cambridge 1996.

McCullough, M., Digital Ground: Architecture, Pervasive Computing, and Environmental Knowing, MIT Press, Cambridge 2005.

Norman, D., Il design del futuro, Apogeo Editore, Milano 2008.

Iaconesi, S., «Interface and Data Biopolitics in the Age of Hyperconnectivity» in Proceedings of Design For Next, 12th EAD Conference, Sapienza University of Rome, 12-14 April 2017. Published as: Iaconesi, S., «Interface and Data Biopolitics in the Age of Hyperconnectivity. Implications for Design», The Design Journal, Volume 20, 2017 – Issue sup1: Design for Next: Proceedings of the 12th European Academy of Design Conference, Sapienza University of Rome, 12-14 April 2017, pp. S3935-S3944.

Weinberger, D., Our Machines Now Have Knowledge We’ll Never Understand, Wired, 04/08/2017. Accessed Nov. 13, 2017 at https://www.wired.com/story/our-machines-now-have-knowledge-well-never-understand/

Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, creatori di Art is Open Source e Human Ecosystems Relazioni, sono artisti e agitatori culturali. Insegnano Near Future Design e Transmedia Design a Firenze (ISIA), Roma (La Sapienza). Si occupano delle mutazioni dell’essere umano e della società con l’avvento delle tecnologie ubique.

Continua
Network Is The Message

APOPHENIA di Giorgia Scavo

Network Is The Message
APOPHENIA
di Giorgia Scavo

 

 

Apophenia explores the relationship between the human and the machine, and questions the extent to which each of the two is able to recognize patterns within imagery, and defining things according to fluid judgments or fixed parameters. “Faces” are discovered around satellite view landscapes, when a face detection script is tricked into randomly scanning imagery on Google Earth. 

Giorgia Scavo is an Italian visual artist and designer who worked across New York and London, currently doing an MA in Experimental Communication at Royal College of Art. Her recent work is focused on digital archeology and the materiality of digital. Using a range techniques and experimenting with various media, including moving image, sound and 3D printing, her work questions the extent of the relationship between humans and technology, the reproducibility of media in the digital age, and our perception of reality in the contemporary landscape.

Her previous work includes the curation and design of multi-platform magazine “Washing Machine”, which was first published in 2013.

Continua
Network Is The Message

Pasionaria, un progetto di dialogo femminista online di Beatrice Da vela

Network is the message
Pasionaria, un progetto di dialogo femminista online
di Beatrice De Vela

1. Lo scopo di questo articolo.

Qual è la relazione tra mezzi di comunicazioni virtuali e attivismo? E in particolare come si crea una comunità femminista online e la si trasforma poi in un gruppo capace di avere un riscontro non solo sul web, ma anche in presenza?

Vogliamo riflettere su queste tematiche a partire da uno studio di caso, cioè il nostro progetto, Pasionaria.it, analizzando prima la sua origine e la sua evoluzione in rapporto alle nuove tecnologie e poi raffrontandolo con la rete femminista di cui fa parte, NonUnaDiMeno. Infine, analizzeremo le potenzialità dell’online, ma anche su eventuali rischi che questa dimensione può comportare per l’attivismo femminista.

 2. Il progetto originario

Pasionaria.it nasce su iniziativa di Benedetta Pintus nel 2014 e apre ufficialmente nel Novembre di quell’anno (tra poco saranno tre anni). Il progetto nasce con l’idea di essere una realtà soltanto on-line, che, già attraverso la Redazione, rappresenti un panorama variegato di interessi, formazioni e pratiche. Tutte le persone che fanno parte in origine del progetto o che si aggiungeranno in seguito, sono dislocate in contesti geografici diversi e spesso lontani fra loro (alcune di queste vivono all’estero), hanno età, caratteristiche personali e profili culturali molto variegati. Le uniscono l’adesione a una certa visione del femminismo e la capacità di sfruttare le nuove tecnologie (lo strumento principale attraverso il quale il progetto è gestito e la Redazione comunica al proprio interno). Nonostante molti dei componenti della Redazione non si conoscono tra loro e non si sono neppure mai conosciuti di persona, attraverso un’ottima gestione delle comunicazioni online, il gruppo diventa ben presto compatto e affiatato.

L’idea alla base è semplice: portare il femminismo con tutte le sue complessità a un pubblico non necessariamente specialista e che è troppo giovane per aver vissuto la florida stagione del femminismo italiano tra gli anni Settanta e Ottanta.

Il nome è già una dichiarazione di intenti. Pasionaria, infatti, è un omaggio alla Pasionaria per antonomasia, la rivoluzionaria spagnola Dolores Ibarruri (1985-1989): la scelta del nome è stata dettata proprio dal voler mettere in luce non solo la prospettiva femminista, anticapitalista e “di sinistra” del sito, ma sottolinea anche come, pur nella novità che il progetto voleva e vuole apportare, non c’era un superamento o peggio un oblio della storia precedente.

Pasionaria.it vuole, però, non soltanto essere una vetrina per informazioni sul femminismo, ma lo strumento per generare dialogo e discussione con chi legge, in modo da creare una community in grado di agire concretamente su tematiche e in base a principi femministi: per questo si sceglie non solo un portale che ospiti articoli su una varietà di temi e ambiti, dalla politica alla letteratura, dalle tematiche LGBTI agli stereotipi di genere, ma si sceglie altresì di sfruttare alcuni mezzi di comunicazione offerti dalla Rete affinché il dibattito sia continuo.

Per gestire in modo efficiente il progetto e sfruttare ogni occasione per generare dibattito, abbiamo dunque affidato il nostro progetto a mezzi diversi. Il nostro sito internet (www.pasionaria.it) serve come collettore permanente dei contributi più importanti e più lunghi, in modo che restino sempre a disposizione di chiunque voglia leggerli e possano essere citati in articoli di altri. Fermo restando lo stile personale e la diversa preparazione di ciascuna persona che scrive, si è cercato di dare uniformità ai contributi attraverso i criteri di chiarezza, semplicità (senza semplificazione) e calviniana leggerezza (soprattutto per quei pezzi che sono più specificamente rivolti a chi per la prima volta si accosta a determinate tematiche).

Anche dal punto di vista grafico abbiamo cercato di caratterizzare la nostra comunicazione in questo modo, innanzitutto attraverso il logo e i colori.

Abbiamo scelto come logo un fulmine, che per noi è il simbolo dell’incisività, ma anche della creatività e dell’idea che colpisce e illumina. Un simbolo che mostrasse la nostra determinazione e la voglia di essere incisive, ma che allo stesso modo rimandasse anche a un immaginario pop, come quello dei fumetti.

Proprio per enfatizzare questo aspetto autoironico abbiamo scelto come colore principale una variante del fucsia, che fosse più brillante rispetto al rosa solitamente associato nella nostra società con il femminile, ma che allo stesso tempo avesse un effetto divertente. Anche il font utilizzato per il logo vuole essere spazioso, aperto e dare l’idea di un ambiente serio, ma rilassato e accogliente.

La modalità del sito, anche se è sempre stato possibile commentare, raramente genera dibattito sul mezzo stesso, perché la struttura ad articoli è piuttosto statica e restituisce un’idea di gerarchia molto forte (chi scrive, in pratica, sta conducendo una sorta di monologo informativo), contribuendo poco all’idea di comunità che avevamo in mente.

Proprio perché consapevoli di questo limite, si è reso necessario fin dall’apertura del progetto sfruttare altri mezzi online per poter avere uno scambio proficuo con chi ci segue. Abbiamo quindi aperto in simultanea account su due social network, Facebook, attraverso la nostra pagina (https://www.facebook.com/pasionaria.it/)  e Twitter (https://twitter.com/pasionariait). A questo impianto si sono poi aggiunti in un secondo momento un profilo Instagram (https://www.instagram.com/pasionaria.it/?hl=it) e un gruppo Facebook dedicato alla letteratura femminista, il Pasionaria Book Club (https://www.facebook.com/groups/pasionariabookclub/).

3. Il femminismo intersezionale, la comunità e gli strumenti per farla crescere

Per comprendere al meglio perché per Pasionaria.it la creazione di una comunità virtuale, basata sull’ascolto reciproco e il dialogo, sia sempre stato uno degli obiettivi principali e come questo abbia condizionato l’uso da parte nostra, la selezione e l’utilizzo degli strumenti più adatti per creare e gestire la nostra community, è necessario che nell’ambito della galassia femminista,  Pasionaria.it si collochi nell’ambito del femminismo intersezionale.

Il femminismo intersezionale è un tipo di femminismo che si basa su un concetto molto semplice, cioè che non esistano oppressi e oppressori come categorie assolute, ma che ogni donna e in generale ogni persona è parte di una rete di oppressioni diverse, che si intersecano e che non necessariamente chi è oppresso per un motivo (per esempio una donna che sperimenti la discriminazione di genere) non sia privilegiato per un altro (per esempio una donna con un reddito medio-alto potrà essere oppressa quanto a discriminazione di genere, ma privilegiata rispetto a una persona nullatenente). Non si tratta di stabilire una scala tra oppressioni più o meno importanti o di ridurre il discorso in modo semplicistico al fatto che siamo tutti sia oppressi che oppressori, ma piuttosto tenere conto del modo in cui diverse aree di discriminazione agiscono in modo differente su ciascun individuo (cioè per ogni asse dell’oppressione, tra un massimo di privilegio e un massimo di oppressione ogni individuo è situato su un punto diverso della scala) e siano interconnesse fra loro in modo diverso, come in un diagramma di Eulero-Venn.

Questo significa che qualsiasi pratica femminista debba rendere conto di questa estrema varietà del sistema di oppressione tanto quando si scelgono quali siano le rivendicazioni prioritarie, quanto nello stile di comunicazione e nelle pratiche che adotta. Il rischio concreto è escludere un determinato gruppo di persone, che rientrano nel novero delle persone discriminate per genere, perpetrando un altro tipo di oppressione, pur avendo l’errata convinzione di combattere per un’intera categoria. O peggio ancora, si rischia di sovradeterminare alcuni gruppi di persone: è quest’ultimo il caso di molti dei temi scottanti del femminismo contemporaneo, dal velo islamico alla gestazione per conto di altri.

L’unica strategia per ovviare a questi problemi e mettere in pratica un approccio intersezionale è quello di imparare ad ascoltare le esigenze di tutti, soprattutto di coloro le cui voci vengono più facilmente passate sotto silenzio e anzi essere per queste una vera e propria cassa di risonanza, stimolare il confronto, lo scambio di idee, il dibattito, avere la capacità di riconoscere che nessun giudizio è mai pienamente obiettivo e che le nostre percezioni e le nostre esperienze sono condizionate dalla nostra condizione sociale e che spesso tendiamo a dare al nostro punto di vista privilegiato un carattere di universalità.

Insomma, non esiste femminismo intersezionale senza una comunità, che sia il più possibile variegata, aperta e pronta al dialogo, al confronto e alla messa in discussione.

Quindi la questione principale del nostro progetto era come creare questa comunità e farla crescere.

Pasionaria.it non è la prima realtà intersezionale online in lingua italiana. Tra i vari progetti è doveroso citare quello che ha la storia più lunga e che forse è stato il primo esempio di femminismo intersezionale online in Italia, Abbatto i Muri (https://abbattoimuri.wordpress.com/). Ma il pubblico di Abbatto i Muri è già un pubblico in larga parte composto da persone molto informate sulle questioni femministe e che spesso già fanno militanza. Quello che volevamo fare con Pasionaria.it era invece allargare la nostra comunità anche a persone che per la prima volta si occupassero di diritti civili e più in generale di politica.

Proprio per coinvolgere il più possibile una comunità variegata, abbiamo quindi deciso di muoverci parallelamente ma in modo differenziato su Facebook e Twitter, consapevoli che questi due strumenti hanno modalità di utilizzo e un pubblico di riferimento diverso.

Abbiamo dedicato Twitter soprattutto alla costruzione di una rete sociale con altre attiviste e altri attivisti, italiani e internazionali, per avere un apporto più specialistico. È lo strumento che usiamo soprattutto per fare rete con altre realtà simili alla nostra e per portare avanti una conversazione a livello più specialistico. Recentemente abbiamo utilizzato il nostro account anche per specifiche campagne e tweet-storm.

Facebook, invece, è stato da subito la base per creare la nostra comunità, perché ha un’utenza meno selezionata e specialistica ed è più diffuso tra i giovani. Facebook, però, ci ha posto subito due sfide: innanzitutto quella di aggiornarci continuamente sui cambiamenti del suo algoritmo interno, per rendere più visibili i nostri post e, soprattutto il suo carattere estremamente aperto che è ottimo per generare discussioni, ma che attira anche un’ utenza, minoritaria, ma molto incisiva, di persone che interagiscono con il solo scopo di far polemica e provocare (i cosiddetti troll). Gli elementi fondamentali per la gestione della nostra community erano dunque trovare uno stile unico nella gestione dei commenti, soprattutto essendo la gestione dei nostri social divisa tra più persone, che invitasse al dialogo, che spiegasse senza per questo far percepire un’ incertezza a proposito delle nostre tesi, evitasse le polemiche e disinnescasse l’ effetto di quegli account che minano alla base l’ idea del confronto. Ci siamo dunque date una sorta di codice di condotta empirico, che ha richiesto un grande lavoro non tanto per capire come dovessimo comportarci, quanto come controllare e padroneggiare le nostre stesse reazioni per non danneggiare la comunità che andava creandosi.

Inoltre attraverso il meccanismo delle condivisioni, Facebook, molto più di Twitter, riesce a far arrivare uno stato anche a persone minimamente interessate al tipo di tematiche trattate dal nostro progetto, esponendoci quindi non solo a critiche che poco hanno a che fare con l’ argomento di volta in volta trattato, ma che più in generale criticano il femminismo in quanto tale, e a veri e propri attacchi, come nel caso della nostra campagna “Anche questa è violenza” (http://pasionaria.it/la-tua-testimonianza-per-il-25-novembre/). Questa campagna voleva portare allo scoperto il significato violento di molte situazioni quotidiane, come le molestie verbali per strada o sui mezzi pubblici, mettendo in luce che molti comportamenti, considerati normali perché molto comuni, alimentano la cosiddetta cultura dello stupro, cioè l’humus socio-culturale che favorisce la violenza di genere anche nelle sue formi più gravi. I contributi arrivatici dalla nostra community (soprattutto dalle donne) erano variegati e riportavano episodi di diversa gravità e vissuti con una gradazione di intensità emotiva; molto spesso il racconto di gesti quotidiani (fischi per strada, commenti a sproposito sul proprio aspetto fisico etc.) hanno attirato, oltre a molti commenti solidali, anche critiche feroci, denigranti e spesso aggressive (tanto da utenti uomini che no), che da una parte hanno dimostrato in pratica quanto sosteneva la campagna, ma dall’altra hanno implicato un grandissimo sforzo da parte nostra per contrastare i discorsi apertamente sessisti e maschilisti, per censurare le offese vere e proprie e per far tornare il nostro spazio virtuale uno spazio sicuro.

Proprio le campagne online sono state il nostro modo per coinvolgere ancora di più lettrici e lettori e fare di Pasionaria ancora più una comunità capace non solo di generare dibattito, ma di agire in senso politico, facendo convergere le energie della Redazione e di tutti coloro che ci seguono su un’azione comune. Al momento abbiamo svolto due campagne create direttamente da noi, “Anche questa è violenza” e “Una cosa bella sul mio corpo” (http://pasionaria.it/piccolo-esercizio-di-autostima/) e abbiamo aderito a campagne elaborate da più persone, come la recentissima “Quella volta che” (http://pasionaria.it/quellavoltache-non-hai-denunciato-molestie-violenza/).

4. “Noi siamo marea”: NonUnaDiMeno, il femminismo nelle piazze online e reali.

 Le campagne online, oltre a creare o partecipare a campagne online, che sono importanti e che servono non solo a coinvolgere la comunità, ma anche ad aumentare il senso di autoefficacia dei suoi partecipanti, rischiano però di rimanere frammenti isolati di un discorso più ampio che fatica a trovare poi un risvolto duraturo sul piano culturale e legislativo. Inoltre siamo convinti che una comunità acquisisce maggior senso se situata in una rete di relazioni, che permetta un proficuo scambio di idee, energie e buone pratiche. Per questo motivo Pasionaria.it ha aderito subito alla rete femminista NonUnaDiMeno (https://nonunadimeno.wordpress.com/).

Nonunadimeno è una rete femminista, che si propone di far dialogare le variegate realtà femministe italiane (e anche persone singole che non appartengano già a un progetto o a un collettivo), per concertare azioni comuni di contrasto alla violenza di genere.

NonUnaDiMeno è la versione italiana della rete NiUnaMenos, che nasce in Argentina con il medesimo scopo.

Lo scopo che si è data la realtà italiana è quello di scrivere un piano femminista nazionale contro la violenza di genere, che sia alternativo, ma non per questo antagonista, alle soluzioni proposte dai vari governi in risposta alla rinnovata sensibilità verso i femminicidi e la violenza di genere.

Partita da Roma con la grande manifestazione nazionale del 26 novembre 2016 e la plenaria del giorno successivo, NonUnaDiMeno, che nel rispetto delle buone pratiche femministe è un contenitore privo di gerarchia, si è strutturata in tavoli di lavoro che coprano varie tematiche collegate alla violenza di genere. Il messaggio fondamentale è che per arginare questo fenomeno non siano sufficienti le misure legislative che vadano a punire chi è trovato colpevole di perpetrare violenza di genere né che basti obbligare le donne a denunciare, ma che occorra un ampio sistema di misure normative, economiche e culturali che sopprimano l’humus culturale di cui si nutre la violenza di genere in tutte le sue forme, non soltanto di violenza fisica. I tavoli di lavoro erano originariamente otto (Percorsi di fuoriuscita dalla violenza, Narrazione della violenza nei media, Educazione alle differenze, Sessismo nei movimenti, Femminismi e migrazioni, Diritto alla salute sessuale e riproduttiva, Tavolo legislativo e giuridico, Lavoro e Welfare) ai quali si è aggiunto recentemente un nuovo tavolo, Corpi e territori.

Già dalla sua impostazione si capisce bene come NonUnaDiMeno sia un aggregatore di diverse realtà, che agiscono tanto online quanto sui territori, e che serva a facilitare uno scambio tra comunità con esperienze, bagagli culturali e pratiche diverse che si uniscono per uno scopo comune.

NonUnaDiMeno, però, è anche altro. Fin dagli slogan utilizzati, “noi siamo marea”, “la rivoluzione sarà femminista o non sarà”, l’idea è quella di provare a superare le divisioni dei singoli gruppi femministi per creare una comunità nuova, liquida e duttile, che si arricchisca anche nelle differenze. Non è un percorso facile né tantomeno lineare, perché specie quando si vanno ad affrontare i temi più scottanti dell’agenda femminista contemporanea è impossibile giungere a una posizione in cui tutte le realtà che compongono la rete si riconoscano.

Per continuare il discorso iniziato a Roma, sono state utilizzate le seguenti strategie: la creazione di nuclei locali spontanei sui territori (a livello cittadino, provinciale o regionale), la creazione di una mailing-list generale e di mailing-list tematiche per ogni tavolo di lavoro, la condivisione dei materiali prodotti sul sito ufficiale di NonUnaDiMeno e infine la creazione di una pagina Facebook (https://www.facebook.com/nonunadimeno/) e di un profilo Twitter (https://twitter.com/nonunadimeno) nazionali.

Questi strumenti sono nati allo scopo di non disperdere le energie e di fornire momenti di discussione e di aggregazione, ma non tutti si sono rivelati efficienti allo stesso modo nel gestire la community che andava creandosi.

Prima di tutto per sua natura gli strumenti informatici poco si prestano a una struttura completamente priva di gerarchie, poiché a vari livelli c’è necessità di controllo o di nuovi stimoli per mantenere viva e ad alto livello la conversazione.

Lo strumento che più immediatamente ha rilevato questo problema sono state proprio le mailing-list e in particolare quella generale. Per mantenere lo strumento funzionale è stato ben presto necessario individuare dei moderatori che gestissero il flusso delle informazioni e che invitassero chiunque partecipasse a non intasare il canale di comunicazione con messaggi diretti a una sola persona o che non contribuivano alla discussione; questo problema probabilmente ha assunto una dimensione maggiore anche perché le mailing list non sono uno strumento così comunemente usato per stimolare discussioni, ma piuttosto per informare (e che, proprio a causa del loro uso ristretto, molte persone non sanno usare in modo adeguato) e prevedono dunque una struttura comunicativa fortemente gerarchizzata, non sempre sono state efficaci.

La mailing-list nazionale, infatti, da una parte ha dato vita a un torrente di informazioni nel quale è difficile distinguere quelle più importanti, dall’altra, la necessità di un’azione di moderazione ha sollevato alcune proteste da parte di chi ha percepito gli interventi dei moderatori come autoritari. Inoltre si è creata una situazione molto variegata tra i vari tavoli, alcuni dei quali hanno continuato a lavorare in modo ottimale anche attraverso questo mezzo, mentre altri si sono bloccati o quasi.

La pagina Facebook, complice il cambiamento continuo dell’algoritmo di Facebook, che tende sempre di più a sfavorire le pagine che non pagano sponsorizzazioni, è soprattutto un contenitore informativo, che non riesce a generare il dibattito che vorrebbe, pur nella vastità del numero dei like, ma che è vitale per tenere traccia di tutte le iniziative locali e nazionali.

Diverso e più funzionale l’utilizzo di Twitter, che forse è il centro dell’azione on-line di NonUnaDiMeno, attraverso questo strumento, infatti, si è riusciti a creare azioni online che hanno avuto un ottimo riscontro, come il lancio della tweet-storm globale per lo sciopero di genere e dai generi dell’8 marzo 2017 (https://nonunadimeno.wordpress.com/2017/03/06/l8-marzo-lotta-anche-sui-social-partecipa-alla-tweet-storm-globale/).

Grandissima efficacia dal punto di vista della creazione della community di NonUnaDiMeno hanno però gli incontri in presenza sia nazionali che sui territori, pur con tutti i problemi peculiari del territorio italiano e che rischiano di escludere di volta in volta chi si trovi geograficamente lontano dal luogo dell’assemblea nazionale, ma senza la comunicazione online non sarebbero state possibili.

Infatti NonUnaDiMeno non ha altri canali di comunicazione (anche la manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma e lo sciopero delle donne dell’8 marzo 2017 non hanno ricevuto una grande copertura da parte dei media tradizionali) e tutti gli eventi sono stati sempre diffusi attraverso il canale online.

NonUnaDiMeno sta perfettamente riuscendo a coniugare due aspetti che caratterizzano l’attivismo femminista in Italia, cioè unire la discussione on-line, vivacissima in sedi diverse dai canali ufficiali di NonUnaDiMeno alla tradizione dei collettivi e dei movimenti che lavorano invece sui territori con metodi più tradizionali.

È la dimostrazione che a livello politico e sociale Internet, quando sfruttato al meglio delle sue potenzialità, non solo può essere utilizzato come cassa di risonanza e mezzo per una comunicazione rapida, ma può diventare un efficace strumento che accompagna metodi di rivendicazione e di lotta più tradizionali e collaudati. L’importante è farne un utilizzo critico e riflessivo, piegando lo strumento alle nostre necessità e selezionando le modalità di utilizzo più funzionali allo scopo.

5. Femminismo, femminismi e feminist washing: quasi una conclusione.

L’onda lunga di NonUnaDiMeno e le possibilità offerte dalla Rete hanno contribuito alla rinascita di una miriade di iniziative femministe, distribuite variamente sui territori, online o in forma mista. Le realtà sono così tante che occorrerebbe un vero e proprio censimento per conoscerle tutte. Non solo c’è una grande ricchezza di mezzi e una varietà di persone che vengono coinvolte in ogni specifico progetto, ma lo scenario femminista italiano è grazie al web divenuto particolarmente ricco, tale da presentare moltissime sfaccettature del femminismo contemporaneo, dal femminismo storico, a quello della differenze nato negli anni Ottanta, dal femminismo intersezionale al transfemminismo queer…

Ci sono realtà che si occupano di femminismo in modo più pop, altre che parlano soprattutto a chi fa attivismo, altre ancora che si occupano di temi specifici. Molte di queste realtà erano preesistenti a NonUnaDiMeno, ma la rete ha grandemente contribuito a metterle in risalto, a fare incontrare comunità diverse e a istituire relazioni dentro e fuori NonUnaDiMeno. Lo abbiamo sperimentato in prima persona anche con Pasionaria.it, che nell’ultimo anno è cresciuta sia nei contatti sui nostri canali social, sia nel numero di proposte che chi ci legge ci invia, che prendano la forma di articoli, contributi grafici o suggerimenti tematici. Insomma, per il femminismo in Italia c’è un rinnovato interesse e di sicuro ce n’è ancora bisogno.

Di femminismo stanno cominciando sempre più spesso a occuparsi anche i media tradizionali, soprattutto alcuni quotidiani: insomma tutto fa pensare che ci sia un gruppo di persone, aldilà di chi è attivista femminista, che quanto meno si interessa a questi temi. Come spesso accade, però, quando una tematica diventa più interessante per il pubblico dominio, la nostra società capitalista cerca di appropriarsene e di utilizzare strumenti e discorsi per trasformarli in motivo di profitto. Così la parola femminismo viene invocata anche a sproposito, per essere stampata in lettere glitterate su una maglietta per vendere, attraverso gli stessi strumenti online utilizzati da chi fa attivismo, servizi e dati. È il cosiddetto fenomeno del feminist washing, un fenomeno analogo al pink-washing attuato da alcune aziende italiane da quando i diritti delle persone LGBTI sono entrati nell’agenda politica nazionale, cioè cercare di ammantare operazioni commerciali e di far crescere la reputazione di un’azienda con operazioni pubblicizzate come femministe. Soprattutto nella dimensione della Rete questo fenomeno rischia di mischiarsi, per un pubblico non troppo smaliziato o semplicemente frettoloso, con i contenuti che hanno come unico scopo la rivendicazione politica e sociale. Il feminist-washing funziona in modo parassitario rispetto alle community già create e rischia di indebolirle: forse la vera sfida per gli anni avvenire è fare sì che questo non avvenga, inventando nuovi modi di sfruttare le tecnologie informatiche.

Beatrice da Vela insegna alle scuole superiori ed è autrice di vari libri. Insieme a Benedetta Pintus è amministratrice e autrice del progetto femminista Pasionaria.it (www.pasionaria.it).

Continua
Network Is The Message

Who are the internet warriors?
Interview with Kyrre Lien

Network Is The Message
Who are the internet warriors?
Interview with Kyrre Lien
by Carolina Farina

Who are the people that get so angry online?

Why do so many of them choose to harass people, threaten people, and stretch the freedom of speech to its limits?

The documentarist Kyrre Lien has spent three years traveling around the world, from the fjords in Norway to the U.S. desert, to meet some of the most active online commentators (according to research done by Pew Research Centre of Washington). He has visited their houses, met these people with their families; he has given a body and a daily life to people who are mostly known for there extreme thoughts in many conflicting discussions on social networks. Expressing their opinions on difficult topics such as immigration, politics and popularity, men and women from different ages and countries use the web to affirm their own voices. Lien’s project “The Internet Warriors” is articulated through three different devices: video, website and a photographic book.

Carolina Farina: “Meet the Internet Warriors – In Their Caves” is a phrase that could suggest a sarcastic documentary, but this risk is averted from the early images of the video by paying great attention to all the interviewees. How important was the choice to meet them in their daily lives? What kind of relationship did they engage with you and what prompted them to participate in this project?

Kyrre Lien: For me it was essential to meet them in their homes, I really wanted to find out how they lived, what interior they had and how they would write on their computers. For me, this was important to show and understand their personality. Many of them were really keen on participating because it was a channel for them to talk about their opinions. At the same time, many were really sceptical towards me, because I was a journalist. But for me, I tried to be really open about my intentions and that I didn’t plan to be very critical towards their opinions – I just wanted to listen.

 

CF: In the book of “The Internet Warriors” there is a NYT article focused on the phenomenon of facelessness. In the discussion with some of the protagonists of the project, there is often a sense of discontinuity and lightness between “real life” and everything that is poured into the web, even though they themselves are very active in discussing topical issues. What motivations did you find in this attitude and how do they relate to hate and trolling charges? Are their battles conducted only on the net or are they simultaneously pursued through other types of activity?

KL: Many of them felt threaten in some way, and that is the main reason for them to spend so much time online in discussions. At the same time they could really feel that they were in a fight for the things they believed in, they wanted to change something. I did find that most of them could be very vocal online, but in the “real life” they could be more quiet and stick to themselves in the society. 

.

CF: You started your investigation from a dynamic and interactive device as social networks and then articulated “The Internet Warriors” into three different static devices: documentary, book and website. Don’t you fear that this fixity will turn the interviewees into stereotypes and develop a sort of spectacularization of the obscene, literally understood as what is usually excluded from our everyday vision? How do you handle this risk?

KL: When approaching such a topic it is definitely a tricky line to which extent you are looking to confirm stereotypes or not. For me, I did try to choose characters that were visual and vocal interesting, but at the same time I was not interested in making it a “freak show”. I think now it’s a balance that I can defend in the selection of characters. 

.

CF: In this regard, in the era of selfies and of the excess of transversal and interconnected self narratives, which aesthetic choices have led you to the shooting of the portraits of the book? Has there been a mediation in the mode of representation with the subjects photographed?

KL: I had a wish of making the portraits as honest as possible, and trying to get both the homes and personality of the subjects in the picture.

During the process the characters had no interference on how they were portrayed, but as always you need consent in some way or another when photographing someone. It has also been interesting to see that most of the characters have been very happy about how they were portrayed in both the videos, stills and text interviews. 

Kyrre Lien is a 26 year old documentarist living in Oslo, Norway. Named by Forbes to be one of 30 young media entrepreneurs “defining the ever-shifting world of news and content” in 2017. Lien has received numerous of national and international awards, including Picture of the Year in Norway in 2014. He works with his own independent projects, as well as on assignment for clients such as VG and The New York Times.

Continua
Network Is The Message

A Working Class of Producers: The Piracy by Miltos Manetas

Network Is The Message
A Working Class of Producers: The Piracy Manifesto
by Miltos Manetas

I am gonna copy, sticker, Miltos Manetas – Image courtesy of the artist

News from a future newspaper: “A man was stopped yesterday at the border of Italy and France, his computer was scanned and pirated material was found, mostly Adobe software and songs by Beatles. The man was arrested at the spot

From a poem to a drug, from an piece of software to a music record and from a film to a book, everything that’s famous and profitable, owns much of its economic value to the manipulation of the Multitudes. People haven’t asked to know what the Coca-Cola logo looks like, neither have they asked for the melody of “Like a Virgin”. Education, Media and Propaganda teach all that the hard way; by either hammering it on our brains or by speculating over our thirst, our hunger, our need for communication and fun and most of all, over our loneliness and despair. In the days of Internet, what can be copied can be also shared. When it comes to content, we can give everything to everyone at once.

Around this realisation, a new social class is awakening. This is not a working class but a class of Producers. Producers are pirates and hackers by default; they recycle the images, the sounds and the concepts of the World. Some of it they invent but most they borrow from others.

Because information occupies a physical part of our bodies, because it is literary “installed” on our brain and can’t be erased at wish, people have the right to own what is projected on them: They have the right to own themselves! Because this is a global World based on inequality and profit, because the contents of a song, a movie or a book are points of advantage in a vicious fight for survival, any global citizen has the moral right to appropriate a digital copy of a song, a movie or a book. Because software is an international language, the secrets of the World are now written in Adobe and Microsoft: we should try hack them. Finally, because poverty is the field of experimentation for all global medicine, no patents should apply.

Today, every man with a computer is a Producer and a Pirate. We all live in the Internet, this is our new country, the only territory that makes sense to defend and protect . The land of the Internet is one of information. Men should be able to use this land freely, corporations should pay for use – a company is definitely not a person.

Internet is now producing “Internets”, situations that exist not only online but also in real space, governed by what is happening online. This is the time for the foundation of an global Movement of Piracy. The freedom of infringing copyright, the freedom of sharing information and drugs: these are our new “Commons”. They are Global Rights and as such, Authorities will not allow them without a battle. But this will be a strange battle because this is the first time the Multitudes disrespect the Law instinctively and on a global scale.

Today, an army of teenagers is copying, the adults are copying and even the senior citizens, people from the Left and from the Right are copying. Everyone with a computer is copying something; like a novel Goddess Athena, Information wants to break free from the head of Technology and it assists us on our enterprise.

Pirates of the Internet Unite!

TRABAJADORES PRODUCTORES: Piratas de Internet Uníos! 

Noticias de un periódico del futuro: “Un hombre fue parado ayer en la frontera de Italia y Francia; su ordenador fue escaneado y se encontró material pirata, sobre todo software de Adobe y canciones de los Beatles. El hombre fue detenido inmediatamente”.

Desde un poema hasta un medicamento, desde un software hasta un disco de música y desde una película hasta un libro, todo lo que es famoso y provechoso debe mucho de su valor económico a la manipulación Multitudes. La gente no ha pedido saber cual es la forma del logo de Coca-Cola, ni la melodía de “Like a Virgin”. La educación, los Media y la Propaganda enseñan todo esto por las malas; o martilleándo nuestras cabezas nuestras cabezas o especulando con nuestra sed, nuestro hambre, nuestra necesidad de comunicación y sobre todo, con nuestra soledad y desesperación. En los días de Internet, lo que se puede copiar se puede compartir. Cuando se trata de contenido, podemos dar todo a todos al instante.

Alrededor de este descubrimiento una nueva clase social despierta. No es una clase de trabajadores, sino una clase de Productores. Los productores son piratas y hackers por defecto; reciclan las imágenes, los sonidos y los conceptos del Mundo. Algunas cosas las inventan, pero la mayoría de las cosas las toman prestadas de los demás.

Ya que la información ocupa una parte física en nuestros cuerpos, porque está literalmente “instalada” en nuestro cerebro y no se puede borrar a placer, la gente tiene derecho a ser propietarios de lo que les arrojan: tienen derecho a ser propietarios de sí mismos! Ya que vivimos en un Mundo global basado en la desigualdad y el provecho, ya que los contenidos de una canción, una película o un libro son puntos de ventaja en una lucha feroz de supervivencia, cada ciudadano global tiene el derecho moral de apropiarse de una copia digital de una canción, una película o un libro. Ya que el software es un idioma internacional, los secretos del Mundo están escritos ahora en Adobe y Microsoft: deberíamos intentar piratearlos. Por último, ya que la pobreza es un campo de experimentación de toda la medicina global, ninguna patente debería ser utilizada.

Hoy en día, cada persona con un ordenador es un Productor y un Pirata. Todos vivimos en Internet, es un nuevo país, el único territorio que tiene sentido defender y proteger. La tierra de Internet es una tierra de información. La gente debería tener el derecho de utilizar esta tierra libremente, las corporaciones deberían pagar por el uso -una empresa no es una persona por supuesto.

Internet esta produciendo ahora “Internets”, situaciones que existen no sólo online sino también en el espacio real, gobernadas por lo que esta pasando en la red. Ahora es el tiempo de fundar un Movimiento global de Piratería. La libertad de violar los derechos de autor, la libertad de compartir información y medicamentos: éstas son nuestras nuevas “Tierras Communales”. Son Derechos Globales, y por eso las Autoridades no nos los concederán sin batalla. Pero será una batalla diferente, porque es la primera vez que la Multitud desobedece la Ley instintivamente y a escala global.

Hoy , un ejercito de adolescentes está copiando, los adultos están copiando, e incluso personas de edad avanzada, gente de Izquierdas y de Derechas están copiando. Toda el que que tiene un ordenador copia algo; como una nueva Diosa Atenea, la Información quiere escapar de las garras de la tecnología y nos ayuda en nuestra empresa.

Piratas de Internet Uníos!

UNA CLASSE OPERAIA DI PRODUTTORI: Pirati del Internet Unitevi!

Notizie da un giornale del futuro: “Un uomo e’ stato fermato ieri nella frontiera Italiana con la Francia. Parecchio materiale pirata, principalmente software di Adobe e tanti canzoni di Beatles e stato trovato nel suo computer. L’ uomo e’ stato arrestato.”

Dalle poesie alle medicine, dal software alla musica a da I film e a I libri, tutto quel che diventa famoso, deve tanto del suo valore economico alla manipolazione delle moltitudini. Noi non abbiamo chiesto di conoscere Il logo della CocaCola e neanche volevamo sapere a memoria la melodia di “Like a Vergin”. I media, l’educazione e la propaganda, ci hanno forzato ad imparare tutto ciò speculando sul nostro bisogno di comunicazione, sulla la nostra necessità di divertirsi ma anche sulla propria solitudine e disperazione.Nei giorni del Internet, tutto quel che può essere copiato può essere anche condiviso. Quando si tratta di contenuto, noi possiamo subitodare tutto a tutti.

Attorno a questa realizzazione, una nuova classe sociale si sta svegliando. Questa non e’ una classe operaia-non almeno nel senso stretto del termine: e’ invece una classe di Produttori. Gli Produttori sono di natura dei Pirati e dei Hackers; riciclano le immagini, I suoni e I concetti del Mondo. Una parte di questo materiale se lo inventano ma la gran parte se l” appropriano da altri.

Perché l’informazione occupa un settore fisico del nostro corpo, perché viene letteralmente installata nel nostro cervello e non può essere cancellata a piacere, la gente ha Il diritto di appropriasi diquel che viene proiettato su di loro. Uno deve avere Il diritto di possedere se stesso. Perché questa e’ una società globale basata sulla inegualianza e sul profitto, perché Il contenuto di una canzone, di un film e di un libro sono dei punti di vantaggio in una feroce lotta per la soppravivenza, tutti noi abbiamo Il diritto morale di appropriarsi delle canzoni, dei film e dei libri. A proposito del software poi, considerando che software non e’ altro che la nostra lingua internazionale, si capisce che I nuovi secretti del Mondo sono scritti in Adobe e in Microsoft. Si deve allora tentare di imposessarsi di loro, hackarli e diffonderli. Infine, perché Ia povertà e’ I’ll campo sperimentale per ogni nuova pillola e medicinale, I poveri del Mondo hanno già pagato.

Chiunque attrezzato con un computer e’ già un produttore ed e’ anche un Pirata. Tutti noi viviamo nel Internet, ecco la nostra nuova patria, l’unica che vale la pena difendere. La terra del’ Internet e’ fatta d’informazioni, chiunque deve essere libero di usarla mentre le corporations devono pagare per l’uso. Una corporation non e’ certamente una persona.

La Internet sta producendo “internets”, situazioni che si svillupano anche fuori della rette.

Ed e’ questo I’ll momento giusto per la fondazione di in movimento globale di Pirateria. La bellezza di calpestare il copyright, la libertà di condividere informazione e medicine, sono I nostri nuovi “Commons”, I nostri diritti globali e naturalmente non ci saranno facilmente concessi senza una battaglia. Questa pero sarà una battaglia divertente, perché e’ la prima volta che le Moltitudini disobidiscono la Legge instintivamente. Oggi esiste una mare di giovani che copiano informazioni, gli adulti anche copiano e anche I vecchi. Chiunque con un computer copia: la informazione, come una nuova Dea Atena, vuole tanto uscire dalla testa spaccata della Tecnologia. La Informazione e’ nel nostro fianco.

Pirati del Internet Unitevi!

ΕΡΓΑΤΙΚΗ ΤΑΞΗ ΠΑΡΑΓΩΓΩΝ

Ειδήσεις από εφημερίδα του μέλλοντος

Ειδήσεις από εφημερίδα του μέλλοντος: “Οι αρχές σταμάτησαν χθες έναν άντρα στα σύνορα Ιταλίας και Γαλλίας· μετά από έλεγχο στο κομπιούτερ του βρήκαν πειρατικό υλικό, κυρίως software της Adobe και τραγούδια των Beatles. Ο άντρας συνελήφθη επιτόπου”

Από ένα ποίημα μέχρι ένα φάρμακο, από ένα software μέχρι ένα δίσκο μουσικής και από μια ταινία μέχρι ένα βιβλίο, ό,τι είναι διάσημο και επικερδές, οφείλει ένα μεγάλο μέρος της αξίας του στην μαζική χειραγώγηση. Εμείς δε ζητήσαμε να γνωρίζουμε ούτε το logo της Coca-Cola, ούτε τη μελωδία του “Like a Virgin”. Η Εκπαίδευση, η Προπαγάνδα και τα Μέσα Μαζικής Ενημέρωσης τα διδάσκουν με βία όλα αυτά· είτε σφυρηλατώντας τα στο μυαλό μας, εκμεταλευόμενοι τη δίψα και την πείνα μας, την ανάγκη μας για επικοινωνία και διασκέδαση, και πάνω απ’ όλα τη μοναξιά και την απόγνωσή μας.

Στις μέρες του Internet, ό,τι αντιγράφεται μπορεί επίσης και να μοιραστεί. Σε ό,τι αφορά το περιεχόμενο, μπορούμε κατευθείαν να δώσουμε “Τα πάντα σε όλους”.

Γύρω από αυτή τη συνειδητοποίηση, μια νέα τάξη ξυπνά. Δεν είναι μια εργατική τάξη αλλά μια τάξη Παραγωγών. Οι παραγωγοί είναι πειρατές και hacker εξ ορισμού· ανακυκλώνουν τις εικόνες, τους ήχους και τις έννοιες του Κόσμου. Μερικά πράγματα τα επινοούν, αλλά τα περισσότερα τα δανείζονται από άλλους.

Επειδή η πληροφορία καταλαμβάνει ένα φυσικό μέρος του σώματός μας, γιατί “εγκαθίσταται” κυριολεκτικά στο μυαλό μας και δεν μπορεί να σβηστεί κατ’ επιλογή, οι άνθρωποι έχουν το δικαίωμα να κατέχουν ό,τι προβάλλεται επάνω τους: έχουν το δικαίωμα να είναι κάτοχοι του εαυτού τους! Επειδή ο κόσμος μας είναι παγκοσμιοποιημένος, και βασίζεται στην ανισότητα και το κέρδος, επειδή τα περιεχόμενα ενός τραγουδιού, μιας ταινίας ή ενός βιβλίου είναι πλεονεκτήματα στον άγριο αγώνα της επιβίωσης, ο κάθε παγκόσμιος πολίτης έχει το ηθικό δικαίωμα να οικειοποιείται το ψηφιακό αντίγραφο του κάθε βιβλίου, ταινίας ή τραγουδιού. Επειδή το software είναι μια διεθνής γλώσσα, τα μυστικά του Κόσμου γράφονται πια σε Adobe και Microsoft: πρέπει λοιπόν να προσπαθήσουμε να τα χακάρουμε και να τα μοιραστούμε. Τέλος, επειδή η φτώχεια είναι το πεδίο του πειραματισμού για όλη την παγκόσμια ιατρική, δεν θα έπρεπε να ισχύουν πατέντες.

Σήμερα, κάθε άνθρωπος με κομπιούτερ είναι πια Παραγωγός και Πειρατής. Όλοι ζούμε στο Internet, αυτή είναι η νέα μας πατρίδα και είναι η μόνη επικράτεια που έχει νόημα να υπερασπιστούμε και να προστατέψουμε. Η γη του Internet είναι η γη της πληροφορίας. Οι άνθρωποι θα έπρεπε να κάνουν χρήση αυτή της γης ελεύθερα, οι εταιρείες όμως θα έπρεπε να πληρώνουν για τη χρήση της – μια εταιρεία σε καμιά περίπτωση δεν είναι ένα άτομο.

Το Internet έχει πια γίνει “Internets”, πολυσύνθετες καταστάσεις που υπάρχουν όχι μόνο online αλλά απλώνονται και στον πραγματικό χώρο, που ορίζονται απ’ ότι συμβαίνει online. Αυτή είναι η εποχή για να ιδρύσουμε ένα παγκόσμιο Κίνημα Πειρατείας. Η ελευθερία να παραβιάζουμε τα πνευματικά δικαιώματα, η ελευθερία να μοιραζόμαστε πληροφορίες και φάρμακα: αυτά είναι τα νέα μας “Κοινά αγαθά”. Είναι Παγκόσμια Δικαιώματα και ως τέτοια οι Αρχές δε θα τα αφήσουν χωρίς μάχη. Όμως αυτή θα είναι μια περίεργη μάχη γιατί είναι η πρώτη φορά που τα Πλήθη δείχνουν ασέβεια προς το Νόμο ενστικτωδώς και σε παγκόσμια κλίμακα.

Σήμερα, μια στρατιά εφήβων αντιγράφει, οι ενήλικοι αντιγράφουν και ακόμα και οι ηλικιωμένοι, άνθρωποι από τη Δεξιά και την Αριστερά αντιγράφουν. Ο καθένας που έχει κομπιούτερ αντιγράφει κάτι· σαν μια νέα Θεά Αθηνά, η Πληροφορία θέλει να απελευθερωθεί από το κεφάλι της Τεχνολογίας και μας βοηθάει στο εγχείρημά μας.

Πειρατές του Internet ενωθείτε!

Piracy Manifesto, poster, Miltos Manetas, Image courtesy of the artist

Miltos Manetas, born in Athens, he currently lives and works between Rome, New York and Bogota He studied at the Accademia di Belle Arti di Brera in Italy, his work ranges from painting, to conceptual art, to theory. His artistic practice explores representation and aesthetics of information society. Manetas is the Founder ofNEEN (the first art movement of the 21st century), a pioneer of art-after-videogames (MACHINIMA) and an instigator of Post-Internet Art. In 2009 he initiated theINTERNET PAVILION for the Venice Biennial, in 2014, in collaboration with Rome’s Swiss Institute, he introduced the concept of ÑEWPRESSIONISM. In 2017, he utilized DOCUMENTA 14 to develop the concept of MEDIOSUD. According to Lev Manovic, Manetas’ art can be placed within a well-established tradition in modern painting (representing modern people in their particular modern settings).

Continua
Network Is The Message

Networked Disruption/La turbativa di rete di Tatiana Bazzichelli

Network Is The Message
Networked Disruption/La turbativa di retePer una critica delle pratiche oppositive di arte e hacking nel business del social networking
di Tatiana Bazzichelli

.

.

Traduzione italiana a cura di Carolina Farina. Revisioni a cura di Tatiana Bazzichelli

.

.

Questo libro riflette sulla condizione delle pratiche artistiche di attivisti e hacker nella nuova generazione dei social media (chiamata anche Web 2.0) analizzando le interferenze tra il fare rete e le strategie turbative d’innovazione aziendale (la disruptive business innovation).

L’obiettivo principale è ripensare il significato delle pratiche critiche nell’arte, nell’hacktivism e nel social networking, analizzandole attraverso il concetto business invece di considerarle in opposizione a esso. La crescente commercializzazione degli ambiti di condivisione e di networking e l’innovativo ruolo chiave della comunità open source nello sviluppo di applicazioni controllate da client-server centralizzati, ha cambiato lo scenario della cultura partecipativa e portato le strategie hacker e artistiche nell’ambito della net culture a mettersi in discussione.

Nel contesto dei movimenti artistici underground come della cultura digitale, il concetto di “networking” è stato usato per descrivere pratiche collettive basate principalmente sullo scambio e sulla collaborazione uno-a-uno. Partecipazione, interazione e collaborazione sono state le fondamenta concettuali di molta dell’arte del Ventesimo Secolo, da Dada a Fluxus, dalla Mail Art all’Hacker Art. Tuttavia, sin dalla nascita del Web 2.0, il networking è diventato, non solo una pratica quotidiana, ma anche una strategia di mercato pervasiva.

Il quadro economico dell’Internet bubble 2.0 ha creato nuove contraddizioni e paradossi, nei quali da un lato troviamo lo sviluppo di un vocabolario critico e la denuncia dello sfruttamento del networking e della cooptazione della cultura peer2peer da parte delle imprese del Web 2.0; dall’altro lato, possiamo osservare l’incremento dell’opportunità di creare condivisione e sviluppare contesti di rete tra un ampio numero di utenti Internet, produttori di una considerevole massa di contenuti web senza essere necessariamente esperti di tecnologia.

Molte start-up del Web 2.0 hanno adottato strategie imprenditoriali per generare reddito, formulando una retorica della flessibilità, della decentralizzazione, dell’apertura, della sociability e del Do-It-Yourself. Gli imprenditori della rete hanno adottato in differenti contesti, e per differenti scopi, valori simili a quelli che hanno caratterizzato la progressiva affermazione della cultura hacker e della cultura di rete negli scorsi decenni.

Parallelamente a questo fenomeno è da considerare che molti hacker e sviluppatori che hanno contribuito all’affermazione della cultura hacker e del movimento open source negli anni Ottanta e Novanta oggi lavorano per corporation delle tecnologie di comunicazione, specialmente negli Stati Uniti e, in particolare, nella Bay Area. L’opposizione alla creazione di un monopolio delle comunicazioni e al pensiero capitalista espresso da molti membri della cultura digitale underground durante gli ultimi anni ha ora raggiunto il paradosso dal momento in cui coloro che lavorano per generare opposizione sono gli stessi che ne subiscono gli attacchi.

Questa coincidentia oppositorum (o unità degli opposti) rispecchia inoltre la crisi delle ideologie politiche globali e strategie attiviste oppositive, nei Paesi Occidentali. Dato che, come ha affermato il filosofo greco Eraclito, «La strada superiore e la strada inferiore sono la stessa cosa» (Ippolito, Confutazioni 9.10.3), si pone la questione se il conflitto dualistico tra capitalismo e anticapitalismo possa essere considerato il sentiero giusto per provocare un cambiamento sociale.

L’ipotesi del libro è che le interferenze reciproche tra arte, hacktivism e il business del social networking stanno cambiando il senso e l’ambito della critica politica e tecnologica.

Il punto di partenza di questa analisi è l’assunto che se, da un lato, le comunità underground di rete di artisti e hacker sono servite ad accelerare il capitalismo fin dalla comparsa della cultura digitale e delle cyber-utopie, dall’altro lato, sono servite a rinforzare l’antagonismo contro di esso, generando pratiche critiche basate sulle metodologie e tecnologie della condivisione e del networking. Artisti e hacker utilizzano tecniche perturbative di networking nell’ambito dei social media, aprendo una prospettiva critica nei confronti del business e generando spesso feedback imprevedibili e inattesi; le imprese commerciali utilizzano la turbolenza e la disruption come una forma di innovazione per creare nuovi mercati di rete, che spesso funzionano in modo altrettanto imprevedibile. Questa perturbazione mutuale e la coesistenza di interferenze tra arte, business e networking, mostra come hacker e artisti siano stati agenti attivi di innovazione economica (business) tanto quanto ne abbiano minato le basi.

Identificando le emergenti contraddizioni tra il corrente quadro economico e politico del capitalismo informazionale, l’obiettivo di questa analisi è ripensare il significato di pratiche critiche e oppositive in arte, hacktivism e nel business del social networking.

Lo scopo è analizzare le pratiche hacker e artistiche attraverso il business, suggerendo quindi un’analisi di piani di interferenza reciproca piuttosto di un processo di opposizione dialettica1.

L’obiettivo non è creare un’analisi storica e filosofica di queste pratiche sociali e artistiche, ma riflettere sulle differenti modalità di sviluppo di un pensiero critico, facendo luce sulle contraddizioni e sulle ambiguità nella logica capitalistica, e nelle strategie di arte e hacktivism, ripensando queste pratiche all’interno del contesto del social networking (reti sociali).

Il concetto di “disruptive business” diventa significativo per descrivere le pratiche immanenti di hacker, artisti, networkers e imprenditori attraverso casi di studio specifici. Questi fanno luce su due aree critiche differenti, ma connesse: la cultura tecnologica californiana e la cultura di rete europea – con un focus specifico sulle molteplici relazioni tra business e antagonismo politico. Nella prospettiva di questa analisi il concetto di “business” non rimanda all’approccio teorico di riferimento dei business studies, ma è considerato nelle sue proprietà speculative come una risorsa per lavorare consapevolmente su pratiche artistiche, politiche e tecnologiche.

Il concetto di business, diventato oggi comune nella vita quotidiana e nel linguaggio, è tutt’altro che scontato, e merita una critica approfondita. Si è resa necessaria un’analisi di come il concetto di being busy (“essere occupato”, nella cultura protestante) si ricolleghi al discorso della disruption nel panorama politico ed estetico. Molti attivisti di solito preferiscono non misurarsi con il concetto di “business”, confinandolo nel dominio delle logiche del mercato commerciale. Questo libro dimostra come alcuni artisti e attivisti utilizzino invece la critica della logica di business come tattica consapevole, cooptando la cooptazione. Questa proposta offre nuove prospettive per superare l’apparente situazione di stallo dialettico che caratterizza in questo periodo il processo d’innovazione vs. sussunzione.

Il modello di analisi qui proposto può essere visualizzato come segue: hacker, attivisti e artisti lavorano sul social networking con un approccio critico, creando un circuito di interferenze mutuali tra arte, business e metodologie di disruption, come può essere visto nell’immagine sottostante:

Tatiana Bazzichelli, Disruptive Loop Diagram, 2011.

From the book of Tatiana Bazzichelli, Networked Disruption: Rethinking Oppositions in Art. Hacktivism and the Business of Social Networking,

Digital Aesthetic Research Centre, Aarhus University,Denmark, 2013.

Il fenomeno per cui lo sviluppo di mercato procede parallelamente alla riformulazione delle pratiche radicali non è niente di nuovo: la cultura cyber e hacker sviluppatasi durante gli anni Sessanta in California è un chiaro esempio di questo, come è stato descritto da Fred Turner nella sua ricerca. Oggi una compresenza di agenti opposti che si influenzano reciprocamente torna in prima linea nel quadro del Web 2.0. Artisti e hacker usano tecniche perturbative di networking nell’ambito dei social media e dei servizi web-based aprendo una prospettiva critica nei confronti del business e generando spesso feedback imprevedibili e inattesi; le imprese commerciali applicano la disruption come strumento d’innovazione per creare nuovi mercati e reti di valore, che spesso funzionano in modo altrettanto imprevedibile. Nei contesti di rete la disruption è diventata, quindi, una strategia a due sensi: una pratica per generare senso critico e una metodologia per creare innovazione imprenditoriale. La storia della cybercultura, e oggi il fenomeno del Web 2.0, dimostra che gli opposti si consolidano reciprocamente e spesso creano una simbiosi necessaria alla sopravvivenza di entrambi: in molti casi, hacker, attivisti e imprenditori sono parte della stessa entità. È ancora significativo considerare l’hacktivism come uno strumento di critica radicale al sistema, quando gli hackers hanno contribuito alla sua creazione e al suo rafforzamento? Se il capitalismo e quella che un tempo era chiamata controcultura ora condividono retoriche e strategie simili, è possibile immaginare delle alternative all’attuale logica di mercato?

Il mio intento è presentare un ulteriore livello d’analisi: investigare gli interventi artistici e hacker in cui la business disruption è stata utilizzata come pratica artistica. Dato che oggigiorno contraddizioni e dicotomie sono inerenti alle logiche del business, la vera sfida affonda nell’esplorazione della dissoluzione simbolica del potere, dove hacker e artisti performano direttamente queste contraddizioni e ne elaborano le inaspettate conseguenze come forma artistica.

Descrivendo il concetto di “business disruption” come pratica artistica, questa analisi diventa un’opportunità, sia per gli accademici sia per gli attivisti, di immaginare nuovi territori possibili di azione sociale e politica. L’arte della disruption è una strada possibile per studiare la decostruzione delle strutture di potere sperimentandole dall’interno, rivelando le incoerenze delle logiche imprenditoriali e appropriandole al contempo in modo critico e ironico. Lungi dal pensare di risolvere le contraddizioni economiche e politiche della network economy nella loro interezza, gli artisti e gli hacker al centro della mia analisi empatizzano con esse, il loro campo di sperimentazione diventano le mutue interferenze tra hacking, business e pratiche distribuite di networking. Strategie di perturbazione autonome e decentrate, diventano uno strumento per ripensare il concetto di conflitto hacktivista e artistico nell’ambito della critica politica contemporanea.

Il concetto di disrupting business nei social media fa luce sulle pratiche di artisti, attivisti e hacker che stanno ripensando interventi critici nel campo dell’arte e della tecnologia, accettando di agire all’interno del mercato, per decostruirlo. Sfidare il mercato non significa respingerlo, ma trasformarlo in un campo di gioco, sia appropriandosene sia esponendone le incongruenze. In questa prospettiva in che modo la disruption è diversa rispetto alle metodologie classiche di conflitto e antagonismo? Partendo dall’assunto che capire il capitalismo oggi significa avere la consapevolezza che esso è costituito dalla solida unione di paradigmi opposti (come ad esempio hacktivism e imprenditoria), l’obiettivo non è opporsi direttamente agli avversari, ma raggirarli “diventando loro stessi”, incarnando camouflages disturbanti e ironici. Superando la classica strategia potere/contropotere, che spesso ha come risultato conflitti che replicano la competitività e la violenza del capitalismo stesso, adottare la disruption come una pratica artistica significa immaginare strade alternative basate sull’arte di mettere in scena paradossi e giustapposizioni. La disruption diventa un mezzo per nuove forme di critica. Oltre al concetto di coesistenza degli opposti come tensione dualistica tra due forze, e all’idea del prevalere dell’una sull’altra, la mia analisi si concentra sulla mutua interferenza tra piani differenti. Al di là della tensione dualistica, la sfida è analizzare i bugs del sistema nei quali le opposizioni si dissipano una a una in infiltrazioni distruibuite. Questo non significa che i contrasti spariscano completamente, ma che diventino multipli, mutuali, virali e diffusi – come i vari nodi di una rete.

Il punto di partenza per questa analisi è la seguente domanda: cosa succede quando la coesistenza degli opposti in arte, hacktivism e business diventa, all’interno del social networking, un piano di mutua interferenza? L’analisi della circolare reciprocità di feedback tra hacker, artisti e business nei nodi delle reti sociali, necessita di un ripensamento della cooptazione come processo per capire il cambiamento sociale. Riflettendo criticamente sul concetto di attivismo artistico e hacker, il libro apre un nuovo spazio contraddittorio per l’arte e il conflitto politico: la turbativa di rete (Networked Disruption). La “turbativa” è un atto oppure un evento che tende a turbare il regolare stato o svolgimento di qualcosa. La “turbativa di rete” si basa su pratiche di disturbo, perturbazione e sconvolgimento del business della rete, che lavorano su un duplice piano contraddittorio: la critica del business e la sua reinvenzione.

La Network Disruption (turbativa di rete) diventa una strategia a due vie, un “feedback loop”, una pratica per generare critica, e una metodologia per creare innovazione. Attraverso il confronto fra pratiche di social networking nell’America settentrionale e in Europa, prima e dopo l’avvento dei social media, il libro propone una costellazione di progetti di social networking che utilizzano la strategia della “disruption” per immaginare nuove configurazioni artistiche, politiche e tecnologiche.

Analizzare le pratiche artistiche nello spettro dei social media implica un riconoscimento delle fascinazioni dei beni consumistici e le conseguenti strategie per essere costruttivi e decostruttivi allo stesso tempo, per innovare il business criticandolo. Per indagare la progressiva commercializzazione delle piattaforme di condivisione e di networking, è necessario comprendere la cultura imprenditoriale dall’interno. Gli artisti diventano virus, lavorano empaticamente con il loro soggetto d’intervento. Perturbano gli ingranaggi della macchina performandola.

.

1 Questa idea di “straficazione” (layering) in luogo di cooptazione, è stata proposta da Fred Turner nella lecture “The Bohemian Factory: Burning Man, Google and the Countercultural Ethos of New Media Manufacturing”, University of California, Irvine, School of Humanities, 23 April 2009, dove ha discusso le sue opinioni sul fenomeno sociale del Burning Man e il suo contributo nel sostenere le industrie dei nuovi media. […]

.

* Questo testo è un estratto del libro Networked Disruption. Rethinking oppositions in Art, Hacktivism and the Business of Social Networking di Tatiana Bazzichelli, pubblicato da Digital Aesthetics Research Center, Aarhus University nel 2013.

.

.

Keep Fighting by Chelsea Manning Network, at Disruption Network Lab, STUNTS, 12 December 2015, Berlin.

Brandon Bryant, Former US-Drone Operator speaks at Disruption Network Lab, DRONES, 17 April, 2015, Berlin. Photo by Nadine Nelken.

Tatiana Bazzichelli at Disruption Network Lab, STUNTS, 12 December 2015, Berlin. Photo by Maria Silvano.

DISRUPTION NETWORK LAB

Un laboratorio di ricerca e pratica sull’arte, hacktivism e disruption

www.disruptionlab.org

Il Disruption Network Lab è una piattaforma di ricerca ed eventi incentrati su arte, hacktivism e disruption. Il laboratorio prende forma attraverso una serie di conferenze svolte allo Studio 1 nel Kunsquartier Bethanien di Berlino e in altre location. Fondato da Tatiana Bazzichelli (direttrice artistica e curatrice) e sviluppato insieme al suo team (http://www.disruptionlab.org/team), il Disruption Network Lab è prodotto dal Disruption Network Lab e V. (gemeinnütziger eingetragener Verein), un’organizzazione no-profit tedesca.

L’obiettivo del Disruption Network Lab è presentare e generare nuove configurazioni possibili di azione politica e sociale nell’ambito dell’hacktivism, della cultura digitale e della tecnologia dell’informazione, concentrandosi sul potenziale perturbativo e dirompente delle pratiche artistiche. La metodologia curatoriale si basa su un montaggio di pratiche e contesti di ricerca volti a creare un network di sperimentazione basato sull’interferenza e contaminazione di diversi punti di vista. Il programma è sviluppato attraverso presentazioni artistiche, dibattiti teorici e conferenze tematiche.

Fondato nel 2014, il Disruption Network Lab ha affrontato diverse tematiche critiche e dal forte impatto politico: dall’uso dei droni durante i conflitti in Medio Oriente con conseguenze devastanti per i civili, alle forme di sorveglianza pervasiva, fino all’analisi del rapporto fra arte, disruption e whistleblowing, come forma di denuncia delle attività illecite all’interno di governi e organizzazioni pubbliche o private.

Dopo aver lavorato per due anni sul concetto di “Art & Evidence”, quest’anno il Disruption Network Lab approfondisce il concetto di “Outer Spaces”. Con questo termine s’intende il vuoto che esiste tra i corpi celesti, un concetto che fa riferimento al principio di “horror vacui”, esposto dal filosofo greco Aristotele, interrogando la possibile esistenza di un vuoto nello spazio. Trasferendo questo concetto in una dimensione culturale e sociale, è possibile definirne molteplici (spazi alieni), in cui l’“horror vacui” si traduce nella paura di ciò che è sconosciuto. Lo scopo di questa serie, di cui il prossimo evento avrà luogo il 24-25 novembre, è di comprendere “la diversità che fa paura”, mettendo a confronto diverse forme di alterità geopolitica, spaziale e culturale.

Tatiana Bazzichelli è la direttrice artistica del Disruption Network Lab (www.disruptionlab.org). Ricercatrice, networker e curatrice nella sfera dell’hacktivism e della net culture. Ha conseguito un Postdoc presso l’Università Leuphana di Luneburg e un PhD in Media Studies nella Facoltà di Arte e Comunicazione dell’Università di Aarhus in Danimarca. Dal 2011 al 2014 è stata curatrice del festival transmediale di Berlino, in cui ha sviluppato il programma “reSource transmedial culture berlin”, progetto di networking e ricerca all’interno del festival (www.transmediale.de/resource). Nel 2009 è stata Visiting Scholar presso la Stanford University in California, impegnata nella ricerca sull’hacker culture e la disruption nella Silicon Valley. Sin dagli anni Novanta è attiva nella comunità hacker ed è fondatrice del progetto AHA:Activism-Hacking-Artivism (www.ecn.org/aha), che ha vinto la Honorary Mention per le digital communities all’Ars Electronica (2007). Ha organizzato diverse mostre e convegni sulla media art e l’attivismo come SAMIZDATA (Berlino, 2015), Sousveillance (Aarhus, 2009), HACK.Fem.EAST (Berlino, 2008), HackMIT! (Berlino, 2007), CUM2CUT (Berlino, 2006-2008), Hack.it.art (Berlino 2005), Art on the Net in Italy (Berlino 2005), MediaDemocracy and Telestreet (Monaco, 2004), AHA (Roma, 2002), Hacker Art Lab (Perugia, 2000). Dal 2003, vive e lavora a Berlino in Germania.

www.networkingart.eu

Continua
Network Is The Message

Hats that hath no name by Laura Estrada Prada

Network Is The Message
Hats that Hath No Name:Valentina Vetturi and her reflections on the hacker world
by Laura Estrada Prada

Revolution is not ‘showing’ life to people, but making them live. A revolutionary organization must always remember that its objective is not getting its adherents to listen to convincing talks by expert leaders, but getting them to speak for themselves, in order to achieve, or at least strive toward, an equal degree of participation.”
― 
Guy Debord

.

The internet, a parallel reality where we live in, an intangible world that we believe we know. It is almost impossible to imagine life without the internet, the web, social media. Internet has become deeply engraved within our lives and our sense of self. Yet of that vast virtual dimension called ‘cyberspace’, most are familiar only with the tip of the iceberg, the world wide web. What lies beneath one surface is a place called the deep web, where “hatted”1 individuals navigate and form narratives in a world-wide network that embodies silent resistance, advocates liberty and embraces anonymity. William Gibson, who coined the term ‘cyberspace’ eloquently states:

“Burgeoning technologies require outlaw zones, that Night City wasn’t there for its inhabitants, but as a deliberately unsupervised playground for technology itself.” (Gibson, 1982)

They’re called hackers and they are portrayed within the collective vision as pirates of the internet age: always prone to mischief and theft. However, beyond the superficial considerations that are embraced and disseminated by hegemonic control, the hacker world is one of the most complex and least mainstream revolutions seen by the 21st century.

On February 8, 1996, John Perry Barlow wrote A Declaration of the Independence of Cyberspace for the World Economic Forum held in Davos, Switzerland. Barlow’s document addressed the institutions of hegemonic control, vouching for the liberty of mind and the emancipation from matter as entailed by cyberspace.

“Cyberspace does not lie within your borders. Do not think that you can build it, as though it were a public construction project. You cannot. It is an act of nature and it grows itself through our collective actions. You have not engaged in our great and gathering conversation, nor did you create the wealth of our marketplaces. You do not know our culture, our ethics, or the unwritten codes that already provide our society more order than could be obtained by any of your impositions. […]

Cyberspace consists of transactions, relationships, and thought itself, arrayed like a standing wave in the web of our communications. Ours is a world that is both everywhere and nowhere, but it is not where bodies live.

We are creating a world that all may enter without privilege or prejudice accorded by race, economic power, military force, or station of birth.

We are creating a world where anyone, anywhere may express his or her beliefs, no matter how singular, without fear of being coerced into silence or conformity.

Your legal concepts of property, expression, identity, movement, and context do not apply to us. They are all based on matter, and there is no matter here” (Barlow, 1996)

Although Barlow’s public insertion within society granted him the possibility to make his declaration more well-known, internet manifestos advocating for the freedom of the cyberworld and the nature of hackers started in the 1970’s, shortly after the launch of the ARPANET2. A parallel reality that had emancipated itself from matter, an interstice of reality that mocked time and space, cyberspace became the hub of worldwide collaboration against traditional power and the ripe terrain for hacker culture to flourish.

Valentina Vetturi, whose artistic body of work has dealt with themes such as invisibility, memory, secrecy and political engagement decided to become an element of “disturbance” within the unknown and protected world of hackers. Her research was conducted through slowly bred relationships and later interviews with key figures within the hacker world. The drive of her research was to transcend the technical comprehension of the work of hackers and approach the human sphere behind the screens. The first of a series of three works revolving around the hacker world, A Bit for Your Thoughts (2016), was presented by deuxpiece at Carroserie during Art Basel. A Bit for Your Thoughts, like most of Vetturi’s works, included an elaborate composition of media. A site specific installation, the work utilized text and sound to address concepts highly pertinent to the hacker culture: anonymity, authorship, the body-less reality of cyberspace, cryptography and digital money. The text within the installation was two-fold. On the one hand, handwritten fragments of text on the walls testified to the stories Vetturi had gathered from her encounters with hackers. Furthermore, two words (“think” and “do”) written in ASCII-code3 were scattered through the space. With these two very different textual interventions, Vetturi brought the virtual within the physical space, delivering both the figure of hackers and the nature of cyberspace in a form that allowed recognition and identification by any human spectator. For the sound element of the installation, the artist decomposed and re-contextualized fragments of Barlow’s A Declaration of the Independence of Cyberspace. Barlow’s voice and the text on the walls and windows engaged spectators in the discrepancy between Barlow’s utopic ideals for internet freedom and the current state of affairs of internet control and manipulation.

V.Vetturi, A Bit for Your Thoughts, 2016, photo by Guillaume Musset

V.Vetturi, A Bit for Your Thoughts, 2016, photo by Guillaume Musset

The second work of the series by Vetturi addressing the hacker world was In the Corridor of Cyberspace, presented within “Anarchie! Fakten und Fiktionen” at Strauhof, Zurich, in 2016. Vetturi’s artistic intervention entailed a large scale artist book (50cmx70cm) with handwritten interventions and a series of talks and public readings. In the Corridor of Cyberspace functions as a testimonial of the artist’s “intrusion” within a relevant online platform for debate: “The Cyberphunk Mailing list”. Established in 1992, “The Cyberphunk Mailing List” gathered a vast array of individuals such as scientists, activists and libertarians to discuss subjects that were pertinent to the internet age. The mailing list included people such as Jude Milhon, Tim May, Eric Hughes, Julian Assange (founder of Wikileaks), and Philip Zimmerman (inventor of Pretty Good Privacy). The mailing list served as a platform for interaction and discussion on subjects pertinent to the internet age like privacy, cryptography, anonymity and digital money. From a plethora of approaches – political, technical, philosophical and mathematical – the platform served as one of the major seeds of crypto anarchy culture. The work of Valentina Vetturi is a testament of her incursion in this web correspondence. Her artist’s book evidences her submersion in a world she approaches as an outsider with an artistic pretext, her findings and her process within the artistic production.

V.Vetturi, In the Corridor of Cyberspace, 2016, photo courtesy of the artist

V.Vetturi, In the Corridor of Cyberspace, 2016, photo courtesy of the artist

Shortly after In the Corridor for Cyberspace, Vetturi produced a work based on the recurrent words of “The Cyberfunk Mailing List”. The title of her third work, A Better Chance to Gain Enough Entropy is, in fact, based on the recurring words she traced within the online discussion. The work, presented at the 16th edition of the Quadriennale in Rome within the exhibition De Rerum Rurale curated by Matteo Luchetti was composed of an light-box installation with rectangular wall paintings and handwritten text, accompanied by a performance of nine voices. For this work, Vetturi recalled the search engine format in her light-boxes, only to fill them with phrases that were a product of her research on the hacker world:

“On the border of legality / force the law to name/ accept what Hats create

Hit by a bus it happens/ Share knowledge scatter/ drafts avoid the risk

Be online here/ while twelve there/ Knock down frontiers / be everywhere

Public is transparency /Private is anonymous /Be anonymous In /a transparency land

Digital Panopticon Don’t Be / Your Own Panopticon Take care / Preserve Your digital self” (Vetturi, 2016)

The nine voice performance disrupted the exhibition space in a random way, personifying the hacker modality of desired entropy. The performers sang a cacophonous manifesto of sorts, inviting spectators to question the internet imperialism4 that currently mines the liberties of the world-wide-web, imposing a Foucaultian model of panopticon surveillance on internet usage. With the performance and installation, the artist writes her own manifesto embracing the anarchic voice the web once represented, disseminating the struggle for transparency and equality behind the best hacker ethics.

V.Vetturi, A Better Change to Gain Enough Entropy, 2016, photo by OKNOstudio, courtesy of Fondazione La Quadriennale di Roma

V.Vetturi, A Better Change to Gain Enough Entropy, 2016, photo by OKNOstudio, courtesy of Fondazione La Quadriennale di Roma

Valentina Vetturi’s series on the hacker world triggers reflections on the libertarian nature of free information and transparency the internet once promised. Today, institutional powers have found a plethora of ways to manipulate and commodify internet usage, menacing the freedoms technology once offered. Vetturi leverages the findings of her research on the field in order to shed light on a subject that touches us all: there is no need to be a hacker in order to feel and acknowledge the control of the imperialisms of the internet age. Furthermore, as an artist, Vetturi once again explores her role as an intruder. In this instance and different from previous works, she is an intruder amongst intruders of the web. This double intrusion enables a multi-layered series of disruptions that are coherent with the entire hacker idea: the artist intrudes a community of people who invade silently, while rattling the spectators’ sense of virtual security and the presumed independence of online identity, extrapolating the virtual and re-interpreting it within a physical exhibition space.

1 Part of the hacker lexicon includes the internal classification of “hats” based on criminality and behavior. White hats are security researchers that when they identify a security vulnerability within a software or system, they inform the vendors. White hats sell their information on vulnerability. Black hats use their hacker skills to find and develop security breaches, attacking systems and stealing information. Grey hats sell or disclose vulnerabilities governments—law enforcement agencies, intelligence agencies or militaries. (K.Setter, “Hacker Lexicon”, WIRED, 2016)
2 The first ARPANET link was established between the University of California, Los Angeles and the Stanford Research Institute at 22:30 hours on October 29, 1969. The ARPANET, together with other networks were the beginning of the internet as we know it today.
3 ASCII-code is one of the most widely used binary text-codes used fro computers.
4 Internet usage is currently undergoing a strong control ploy. Systems such as Big Data are a perfect example of digital control and the commodification of internet usage. Hackers refer to these internet powers as the GAFAs (Google, Apple, Facebook and Amazon).

Bibliography

Barlow, John Perry. “A Declaration of the Independence of Cyberspace”. Manifestos for the Internet Age. Greyscale Press, Poland. 2015.
Setter, Kim. “Hacker Lexicon: What are White Hat, Gray Hat and Black Hat Hackers?”. WIRED. April 13, 2016.
Gibson, William. “Burning Chrome”. Omni, Burning Chrome, July 1982.

Immagine in homepage di V.Vetturi, A Better Change to Gain Enough Entropy, 2016, photo by OKNOstudio, courtesy of Fondazione La Quadriennale di Roma

Continua
Network Is The Message

Valuable networks Interview with Geert Lovink

Network Is The Message
Valuable networks
New Digital practices of decentralization
Interview with Geert Lovink

.

.

Carolina Farina: In your latest book Social Media Abyss: Critical Internet Cultures and the Force of Negation you write: “Tomorrow’s challenge will not be the internet’s omnipresence but its very invisibility.” How can we best deal with this?

Geert Lovink: Slowly we are forgetting the newness of the internet. We no longer notice we’re online and weak up with the next Twitter scandal of Trump. As Sherry Turkle explains in the Dutch TV documentary Backlight (Offline is the new luxury), there are less and less “white spots”, areas without internet coverage, so where do we go? Switching off becomes a lifestyle choice. People chose to stay away from the internet as if were a therapy. Offline always has to be conscious decision. Network failures become rare (even in the middle of nowhere). A growing group of people want to get away from it all to find a new balance. They can either cannot bear the electronic signals, got depressed, recently had a burn-out or suffer from stress. Self-help literature, media literacy education and the health care system will assist us to “master” this attention monster—if you can afford it to be offline, which is not the case in most jobs.

Let’s face it: in the West are no longer debating electricity, water or gas; we simply presume it’s there (which is not the case in most parts of the world). If there is no electricity we put up solar panels, big or small ones. It’s like that with internet connectivity. Of course there are regions with low speed internet connectivity. And there are countries, like the United States and Australia, that refuse to invest in public infrastructure and firmly believe that fiber optics as a universal service will be provided out of the blue, by “the markets”. In these cases we get strange anomalies of ideology, resulting in resentment and decay. The growth of bandwidth worldwide is showing unexpected patterns with strange winners and losers.

CF: You mention platform capitalism, and how the shift from network ideology to platform culture has changed both social networks and the concept of community. How does this work out in our analog and digital lives? 

GL: Computation and storage are still becoming cheaper, every year. Combine that with growing bandwidth and you get the picture. Once the network effect of a start-up kicks in, it is so easy to scale up. This is the model investors prefer: to destroy markets and centralize power into the hands of a few monopolies that can maximize profits as they no longer have competitors. All the focus is on a tiny group of “unicorns”. This logic has had a big impact on human side of social networks. Internet companies have become privatized utility providers who behave like detached aristocrats. They stand above the mob and look down on local economies from their global meta perspective. This is how the Big Five increasingly operate. Uber adopted this attitude and even gave a criminal twist. Certain bitcoin entrepreneurs firmly believe they are acting above the law. However, it didn’t quite work out for these initiatives as more and more people understand the parasitic logic behind the self-proclaimed “creative destruction”. These right-wing libertarian business models are destroying jobs, community, the social, without giving anything back. We should be happy with that and presume this is progress? Come together, right now and say no to these platforms! Our networks are valuable. We should not make our social relationships subordinate to commercial interests. Networks are tools to improve our lives. We should demand “network freedom”: let us decide how we want shape and run our communities. The technical coordinates of our networks right now are totally overdetermined by opaque commercial interests. This has to stop. There is no reason to limit the design of our social lives in such a way. A complex and rich social life online is not more expensive.

We need to organize ourselves and make sure that digital tools are actually empowering people’s lives and raising living standards. With each apps or website we should ask ourselves: is this growing or decreasing income inequality? Who is benefitting? This needs a change of perspective. We should no longer be impressive with “the new”. In order to reach this collective awareness we have to learn how the machines operate. We can no longer afford to delegate this to geeks and corporations. We’re fooling ourselves at the moment with comfort and usability improvements. There’s a great role here for education, in combination with a renaissance of public infrastructure and “the commons”. We’re not just talking about a greater consumer awareness of online products. Schools at all levels need to give priority to coding (including “critical making”). We should not accept mass unemployment because of the arrival of robots and let them destruct entire villages, cities and regions. Europe should develop its own platforms that have liberated themselves from the principle of the free. If we want a fair computerized economy, we should get used to paying for content and services, there is no other way.

This all starts with rebirth of online communities or tribes, for that matter. The name we give to the social is trivial. Let’s come up with a cool and sexy name. And please, do not think that the brand of the “communist party” has any street credibility. Another trap would be the PC identity labels. Let’s not create new ghettos. What are the implicit unconscious social desires today? We need to claim it, design it, and then stick to it, and build up communities, one by one, brick by brick, member by members. This will have to happen in the shadow of events. There is no other way. But who knows… maybe things evolve very quickly. Be wary of hyper growth—and the gurus who preach it. It is not in our interest. It is time to ditch the entire start-up logic. Too many initiatives failed, for the wrong reason.

CF: What are the consequences of the growth of the sharing economy on social networks on users’ identity, self-awareness and self-representation? Is “user” just a synonym for “consumer”?

GL: I am not so sure if the “sharing economy” is really growing and going anywhere. This is yet another case where people start to get the dishonest business practices behind this label. Throughout Europe there is a growing awareness about the need for regulation—and local alternatives. Look at the growing opposition against Uber and Airbnb that are becoming symbols for quick and dirty centralized value extraction. There are concrete alternatives in the making, cooperative platforms that are post-parasitic, and are instead are based on free cooperation between different players and an idea of the commons. These systems still have “users,” you are right in that respect. How can we make the transition from a consumer-driven to a citizen-centric approach? One of the ways is indeed to develop local system that people can be proud of. This is not all that hard to do. We need to demystify the technology at this point. To a great extent it is all about marketing and sexiness. If you arrive in a new city, you need to install the local apps and visit the communal websites. This is already the case in Italy and elsewhere with local alternatives to Airbnb. This won’t take long. One of the problems is of a different nature: that’s the issue of identification and automatic payment. How can we centralize these two and make sure that the local networks and services are secure. Right now, identification and payments are decentralized. Everywhere we need to login again, create a profile, put in passwords. In this way, we can never build up local, decentralized services as small players will simply not be able to keep up in the current arms race. The question that’s on the table is therefor: are we going delegate more and more of these features to centralized players, or do we take matters in our own hands?

CF: Facebook calls everyone in your network “friends”. There are no other alternatives in terms of relationship definition. This brings me to three different and related questions about social media platforms: the first is about the choice of language, the second is on the conception of “otherness” and the last is about the relationships you can actually develop online and how they can influence relationships “in the flesh”.

GL: The choice of language is certainly a freedom worth fighting for. Facebook is refusing to change at this level as user freedom would “dilute” and fragment their databases and diminish their sales of these data to advertisers. I don’t want go further into this issue. I left Facebook in 2009, and never missed it since. I am interested in alternatives. What’s evil is the advertisement and data-driven business model of most social media. Social relations should not be commodified and sold to third parties. Period. Anyone who looked into Snowden and NSA and then into the Cambridge Analytica drama around Brexit and the election of Trump might understand that the core of the problem here are the secretive and arrogant nature of both Google and Facebook, as they are the ones that are gathering and centralizing these data of citizens in the first place. We can only guess why they do this. According to some it done to “organize the world’s information” with the aim to feed the AI, while others point at political ambitions of both to overtake the Democratic Party and secure the neo-liberal globalist business agenda.

We need to dismantle the social media logic itself. Instead of relying on 85-90% of their revenues from advertising, they should shift to subscriptions. The step is not all that hard and many of their customers will follow—and will be relieved that this silly game will be over. As you indicate, the focus should be on “meet up” type social networks that work on a local or regional level (depending on the seize of country… almost every distance in the Netherlands is considered local elsewhere). We can shift from a newsfeed and update-centered network, dominated by manipulative algorithms, towards a structure that is group and community focused. Again, this is not a major change. The big cultural shift will be the awareness that we, Europeans, can take command over the architecture and infrastructure in which people decide how the money (and profit) flows. There is hope: we put an end to the “inevitable” centralization. We need a new balance between public utilities and local companies. That’s the New Digital.

CF: What do you think could be the perspectives for networks as a social practice? How can technologies and infrastructures of social media be employed to overcome the monopoly of corporations such as Google and Facebook? What role could artists play in this process?

GL: The fact that the internet got stalled into a limited definition of the social is something we can overcome. We should no longer accept the current social media architectures as a natural order and instead make clear demands and express our desires. The social is going to be technological. This won’t change. Social media are not a given. Of course there are fashions amongst the youngsters such as Snapchat, that’s fine. But that should not distract us from the larger picture and the question how society large wants to communicate, and ultimately, make decisions. It’s all about perception management and agenda setting, as it was called in old days, the “fourth estate”. That’s no longer newspapers, radio and television… I hope I am not upsetting anyone by saying this. But who can we talk to at Facebook and Google? No reply. We’re facing a wall of organized arrogance. That’s why need to make a hard cut, knowing that Brussels is not going to take the lead. It’s local communities such as Berlin, Barcelona, Napoli, Amsterdam etc. that will have to take the lead in this digital exodus. This also gives more possibilities to involve artists. However, we should be wary to instrumentalize artists for this or that cause. The key issue is that we need to make sure that the next generation internet applications will have built-in peer-to-peer payment systems. Only a tiny percentage of contemporary artists are able to make a living from their work. Artists live well below the poverty line. How did we end up in this situation? We urgently need to get rid of the copyright system (which is the cause of the current inequality) and design systems that redistribute income. Artists will engage in the wider debate if they know there’s something in it for them. But it all start with the refusal, the courage to say no to the free economy, to fight precarious working conditions and revolt against the internet monopolies and show that another economy is possible!

.

Geert Lovink is a Dutch media theorist, internet critic and author of Uncanny Networks (2002), Dark Fiber (2002), My First Recession (2003), Zero Comments (2007), Networks Without a Cause (2012) and Social Media Abyss (2016). In 2004 he founded the Institute of Network Cultures at the Amsterdam University of Applied Sciences. His centre organizes conferences, publications and research networks such as Video Vortex (online video), Unlike Us (alternatives in social media), Critical Point of View (Wikipedia), Society of the Query (the culture of search), MoneyLab (internet-based revenue models in the arts). Recent projects deal with digital publishing and the future of art criticism. He also teaches at the European Graduate School (Saas-Fee/Malta) where he supervises PhD students.

Continua
Network Is The Message

The Blank TR – Transit Message di Claudia Santeroni e Olga Vanoncini

Network Is The Message
The Blank TR – Transit Message
di Claudia Santeroni e Olga Vanoncini

Sfera è un film del 1998 diretto da Barry Levinson: Dustin Hoffman impersona il dottor Norman Goodman, psicologo chiamato a far parte di una squadra preparata all’evenienza di un contatto con una civiltà extraterrestre.

ET è un film del 1982 diretto da Steven Spielberg: racconta di un alieno ‘dimenticato’ sulla Terra dai suoi compagni e del suo tentativo di ritorno.

Alien è un film del 1979 diretto da Ridley Scott: tratta delle vicende della specie aliena assassina xenomorfa che si riproduce parassitando altri esseri viventi.

La cinematografia pullula di supposizioni di come potrebbe essere il nostro contatto con altre forme di vita e di come potremmo comunicare con loro. La NASA – National Aeronautics and Space Administration ha rilasciato nel 2014 un ebook intitolato “Archeology, Anthropology and Interstellar Communication”, una sorta di manuale per essere preparati al contatto con la civiltà aliena.
Gli autori si interrogano su come stabilire una comunicazione con un’intelligenza extraterrestre, e paragonano la difficoltà dell’operazione a quella incontrata nel decifrare i geroglifici egiziani o ipotizzare l’utilizzo di antichi manufatti. Per centinaia di anni i geroglifici sono stati considerati linguaggi astratti provvisti di un qualche significato superiore, e alcuni casi esemplari sono stati affrontati con costrutto solo quando gli studiosi si sono emancipati dall’assunto che li teneva bloccati: il comune concetto di lingua. La nostra cultura e le teorie periodicamente in voga tra gli intellettuali spesso funzionano come lenti deformanti, facendoci fraintendere quello che stiamo osservando poiché guardato dal punto di vista sbagliato. La consapevolezza di questo pericolo è di importanza fondamentale nel ridurre il rischio di distorcere e incorrere in errori di interpretazione. Molti scienziati sono concordi nel sostenere che il primo messaggio che formuleremo dovrà essere espresso tramite immagini, essendo il linguaggio iconico l’approccio più diretto che consente di svelare contemporaneamente la ricchezza della nostra cultura. Per promuovere la narrazione interstellare sono state sviluppate narrazioni pittoriche, una sorta di storyboard, destinate ad esprimere concetti, massime e principi capaci di descrivere l’essenza dell’essere umano.

I partecipanti al progetto The Blank TR – Transit Message sono chiamati a considerare cosa significhi oggi “comunicare”, “mandare un messaggio”. La maggior parte delle persone interpellate ha scelto, inconsapevole delle altre risposte che erano state fornite, di esplicitare tramite immagini il suo messaggio.

The Blank TR – Transit Message è un progetto ideato dall’associazione The Blank basato sulla riflessione attorno alla comunicazione contemporanea. TR è un’abbreviazione comunemente usata nel codice morse per indicare Transit Message: – .-.

Mai come nella nostra epoca la comunicazione è stata fluida: si può essere in contatto con l’altro capo del mondo in modalità istantanea attraverso una molteplicità di dispositivi. Eppure, non esiste traccia tangibile di tutta questa incessante serie di conversazioni e contenuti trasferiti e transitati, se non nascosta all’interno delle memorie dei dispositivi o fra i cristalli liquidi dei display.
La diffusione delle informazioni corrisponde a una sua dispersione; l’espansione della potenzialità comunicativa equivale alla sua parcellizzazione.

Precursore delle forme di comunicazioni digitali contemporanee è stato il codice morse, che nella prima metà dell’Ottocento divenne lo standard per la codifica delle informazioni. Il costo di un messaggio telegrafato dipendeva dalla sua lunghezza, per cui vennero escogitati dei codici che sintetizzavano interi messaggi – strategie che hanno continuato ad interessare la nostra contemporaneità fino all’avvento della gratuità della comunicazione.

Si dice che Whatsapp abbia rivoluzionato il modo di scrivere e comunicare: non solo testo, ma anche immagini. Rivoluzionare non è però forse il vocabolo giusto, perché si tratta piuttosto di un ripristino alla comunicazione visuale. Justin H. Smith, docente di filosofia all’università Denis Diderot di Parigi, ha osservato che sembriamo muoverci verso un’era post alfabetica; il linguista britannico Vyv Evans esamina come il fenomeno globale (scatenatosi in Giappone) dell’uso degli emoji sia raffrontabile ad una sorta di ritorno ai geroglifici. Ma un emoji, può veramente essere una parola?
L’Oxford Dictionaries ha eletto come parola dell’anno 2015 “tears of joy”, l’emoji con le lacrime agli occhi dall’ilarità.

La parola dell’anno 2015, quindi, non è una parola.

L’utilizzo delle semplificazioni iconiche impoverisce le nostre capacità linguistiche? Sul lungo periodo, questa tendenza assottiglierà il vocabolario medio dell’individuo?

Ci stiamo disabituando alla ricerca della parola perfetta?

La parola è l’espressione autentica del sentimento: Giacomo Leopardi né lo Zibaldone, officina filosofica e linguistica, raccoglie la distinzione modernissima tra parole e termini. Leopardi oppone i termini che “determinano e definiscono” alle parole che “esprimono un’idea composta di molte parti”. Nella nostra quotidianità gli emoji adempiono un’attività para-linguistica: succedono i gesti e il tono di voce che non possono essere resi a parole. Oggi che le interazioni digitali infuriano, assistiamo ad un ritorno della comunicazione non-verbale che era regnante nella preistoria.  Va altresì considerato che la ricerca di simboli universali che permettano di superare le barriere linguistiche è storicamente la chimera di matematici e filosofi. Nel corso dei secoli gli intellettuali si sono cimentati con l’impresa di creare un’ “ideografia”, ovvero un linguaggio pittorico composto da simboli che rappresentino idee (Giuseppe Peano ideò la “Lingua ausiliaria internazionale”, una lingua artificiale creata per la comunicazione tra persone di differenti nazioni. Ausiliaria implica che si tratti di una lingua addizionale, proposta come seconda lingua di tutte le persone al mondo).

Nel 1969 lo scrittore e saggista Vladimir Nabokov, celebre per il romanzo Lolita, venne intervistato per il New York Times. Nel corso dell’intervista il giornalista domandò a che punto avrebbe collocato se stesso all’interno di un’ipotetica classifica di scrittori (viventi e del passato recente). Come risposta, ricevette questa semplice ed elegante spiegazione:

“Spesso penso che dovrebbe esistere un segno tipografico speciale per indicare il sorriso: una sorta di marchio concavo, come una parentesi curva supina, con cui mi piacerebbe ora rispondere alla sua domanda”

Nabokov in quel dialogo intravide un emoticon sorridente che aveva a fare con un sorriso di condiscendenza: una sorta di “sorriso retorico” che ci si dipinge sul volto come risposta chiara a qualche domanda fuori luogo.

L’invadente proliferazione del visuale è liberazione dalla logica della struttura linguistica in favore di una più complessa e sfuggente stratificazione di emozioni, gesti fatti e non mostrati, sentimenti accennati e non adeguatamente comunicati.

Questa visuale stratificazione di contenuti è estremamente vivace, talvolta incomprensibile, per la velocità con cui cambia, ed a tratti irriducibile a definizioni e strutture. E’ una nuova lingua che porta all’estremo una caratteristica fondamentale di ogni lingua che sia contemporaneamente parlata e scritta: essere viva, quindi capace di cambiare, adattarsi, inventare.

La malleabile proliferazione del visuale diventa smisurata ed ingannevole espressione dell’emotività, personale e collettiva, ed anche manipolazione dell’informazione, dando vita ad un ambito grigio che si configura come post-realtà.

Al di là di ogni valutazione positiva o negativa, le modalità di comunicazione contemporanee sono incentrate sul processo piuttosto che sul risultato, sulla produzione piuttosto che sul prodotto, sull’estemporaneità piuttosto che sulla struttura, sul “Transit” piu’ che sul “Message”, in un flusso abnorme che perde traccia e quasi senso di sé stesso. Come perdere sé stessi, trasformarsi e non riconoscersi, dimenticare il proprio nome, diventare qualcosa d’altro che non si conosce ancora.

Il progetto The Blank TR – Transit Message si basa su un protocollo semplice, ma fisso.
E’ stato chiesto ad alcune persone del mondo della cultura internazionale di rispondere alla domanda “What is a Transit Message?”.

La domanda è scritta su un supporto cartaceo, lo stesso su cui va impressa la risposta.
I partecipanti rispediscono il foglio al mittente, provvedendo al suggerimento di un altro partecipante possibile.
I primi partecipanti sono stati individuati fra chi, secondo le curatrici, poteva offrire un punto di vista interessante sull’argomento, un’opinione inusuale su cosa significhi oggi comunicare.
La seconda tranche di partecipanti si è invece venuta a costituire fortuitamente, sulla base di scelte indipendenti dalla volontà delle curatrici. Il materiale raccolto è stato convogliato in una catalogo, disponibile per il download e in un numero limitato di copie cartacee, tutte realizzate con una copertina differente.

Il connubio tra ambito analogico e contesto digitale è decisivo nella collettività venutasi a creare attorno a The Blank TR – Transit Message. Dietro le pagine del catalogo ci sono fiumi di inchiostro virtuale, minuti e minuti di conversazioni skype, chiacchiere telefoniche, incontri virtuali e fisici con persone invitate a partecipare e molto altro che ora è svanito. È un bene realizzare un catalogo a fine di qualcosa, perché in seguito tutto quello che è successo comincia a rarefarsi.
Si assottiglia pian piano la memoria di tutto il lavoro: i dettagli, le sfumature, le minuzie più delicate che avvengono in fieri, durante lo svolgimento.

Questa è l’epoca degli ultimi accessi in cui il ritardo di una risposta diventa una palude e la mancata risposta un abisso, come nota Ambra Ferrari nella sua answer.

Come si poteva vivere senza telefoni?

Che genere di fede si doveva avere nell’altro quando ti separavi sapendo che non ci si sarebbe sentiti per settimane, mesi o addirittura anni?

L’attesa oggi ci affligge: in Matrix Neo e Trinity si servono delle cabine del telefono per delocalizzarsi dalla realtà alla realtà virtuale. Noi nel telefono non scompariamo, ma è come se lo facessimo, immergendoci in schermi di telefoni, tablet e pc per essere connessi all’altro.
L’Eletto è lo strumento di cui ci serviamo, non definito dalle sua qualità reali, ma dal suo ruolo straordinario di transfert. La persona che vediamo nello schermo durante una chiamata skype non è la persona, eppure è il più potente surrogato possibile della fisicità, ben oltre i limiti statici e bidimensionali della fotografia o della cullante voce del nostro caro attraverso la cornetta. È l’inganno surrealista di “Ceci n’est pas un pipe”.

Gian Antonio Gilli nella sua risposta propone la definizione “patologia del messaggio” a fronte della sua riflessione sulla leggenda-mito di Palamede: “La domanda ‘What is a Transit Message?’ suscita oggi, quasi inevitabilmente, risposte ottimistiche che fanno riferimento all’azzeramento delle distanze e alla fluidità e velocità del sistema comunicativo. Ci si può chiedere, tuttavia, se sia sempre stato così, se non vi siano stati sospetti o cautele sul messaggio, sul suo contenuto, sulla possibile ambiguità dei destinatari”

È vero che oggi si ha una rocciosa fiducia nella comunicazione e nelle piattaforme di cui possiamo servirci per trasmettere ed informarci. È generazionale: nella stragrande maggioranza dove una madre pensa di chiedere un consiglio o di consultare l’enciclopedia, il figlio impugna il telefono.
Ad un bambino nato nel 2010 risulta automatico toccare uno schermo per ingrandire un’immagine: è la differenza dibattuta tra nativi digitali e immigrati digitali, che per quanto controversa è una teoria che offre notevoli spunti di riflessione.

“L’unica salvezza è che le dita battano su superfici vuote, prive di lettere da picchiettare. Solo il gesto, fuori dal codice” dichiara nella sua risposta Antonio Rezza alludendo, forse, ad un ripristino della fisicità senza il condizionamento del mezzo.

E da questo si potrebbe dipanare un testo infinito, che dalla collaborazione tra due amiche ha portato alla creazione di una piccola comunità, prima digitale, poi trasferita su carta e di seguito nuovamente transitata per una piattaforma virtuale. Ad ogni passaggio la collettività raccoglie e perde adesioni, esemplificando come il network sia non il messaggio, bensì il Transit Message.

The Blank TR – Transit Message è un progetto a cura di Claudia Santeroni e Olga Vanoncini strutturato tramite l’associazione culturale The Blank Contemporary Art, di base a Bergamo (www.theblank.it).  I partecipanti al progetto sono stati, sino ad oggi: Enrico Ghezzi, Nadeem Karkabi, Vincenzo Latronico, Claudia Losi, Davide Luca, Flavia Mastrella, Danni Meyerson, Neve Mazzoleni, Nirith Nelson, Liliana Orbach, Antonio Rezza, Noam Segal, Gabriela Vainsencher, Chiara Vecchiarelli, Sarah Victoria Barberis, Noa Charuvi, Matteo Di Napoli, Ambra Ferrari, Doron Furman, Talia Hassid Furman, Gian Antonio Gilli, Jennifer Muñoz, Michele Napoli e Petra Aprile, David Nguyen, David Reimondo, Saverio Tonoli Adamo.

The Blank TR – Transit Message è realizzato con l’indispensabile collaborazione di Eva Rota, assistente di Coordinamento di The Blank Contemporary Art. L’immagine coordinata del progetta è stata ideata da Studio Temp (www.madeintemp.com).

The Blank Contemporary Art è stato premiato nella sezione i7 – independent spaces di ArtVerona 2016 presentando il progetto The Blank TR – Transit Message.

Durante The Blank ArtDate 2017, a Bergamo, è stata realizzata presso l’ex-libreria ARS una mostra con le risposte ottenute dal progetto The Blank TR – Transit Message, comprendente un’installazione site-specific di Flavia Mastrella, ed è stato presentato il catalogo “What is a Transit Message – The Blank TR”.

Claudia Santeroni è una curatrice nata nel 1985 a Roma, Italia. Vive a lavora a Bergamo. Laurea magistrale in DAMS (Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna e laurea specialistica in Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Coordinatrice di The Blank Contemporary Art e manager di OG Studio, Bergamo.

Olga Vanoncini è un’artista visiva ed una specialista d’arte contemporanea nata nel 1978 a Bergamo, Italia. Vive e lavora a Tel Aviv, Israele, dal 2014, ed a Bergamo. Laurea magistrale in Belle Arti all’Accademia di Belle Arti Carrara, Bergamo, e laurea triennale in Filosofia all’Università degli Studi di Milano. Ex professore all’Accademia di Belle Arti Santa Giulia, Brescia. Artista al largo ed ex coordinatrice di The Blank Contemporary Art, Bergamo. Il suo progetto Crossing the Blue/Live viene realizzato a Tel Aviv dal 2015 (Salon Talks ad Artspace Tel Aviv ed Elifelet ONG per bambini rifugiati).

Continua
Network Is The Message

The Unstitute by Daniel O’Reilly

Network Is The Message
Where is the Internet?
NeoSelf and the Postindustrial Arcades
by Daniel O’Reilly

Burlington Arcade, London c. 1925

A Stroll in the Postindustrial Arcades

The ‘Digital Window’ As Mode-of-Capture

.

These arcades, a recent invention of industrial luxury, are glass-roofed, marble-panelled corridors extending through whole blocks of buildings, whose owners have joined together for such enterprises. Lining both sides of the corridors, which get their light from above, are the most elegant shops, so that the arcade is a city, a world in miniature, in which customers will find everything they need.

(Benjamin, 2002)

.

Let us imagine our present-day or near-future online experience as if it were a sequence of vignettes, a streak of small displays nested within a longer, perhaps infinite set, (much like one might call to mind a string of shop-windows in the 19th Century Parisian arcades,) constructed within a postindustrial architecture which permits an endlessly unfolding arcade, like the bottomless Facebook news feed, and which frames me in the windows by enmeshing myself with my device. Add to this picture the manifold aesthetic sensibility that Walter Benjamin may have wielded as he strolled these ‘commercial breaks’ in the urban architecture, these looking glasses into the heart of modernism, and consider how an [emotional] raincloud might drive us into the [Postindustrial] Arcade to feel the warm glow of ‘civilisation’ again. Consider that the window-displays in the Postindustrial Arcades which are so interesting to you, dressed to be so grabbing of your particular attention, that it feels somehow unpleasant to have to turn away, to leave, say ‘no’ or otherwise disconnect from the arcade ‘feed’, anxious not to miss the next window, hypnotised by this fragmented, yet increasingly revealing self-image; the great paradox of the eye which «sees not itself, but by reflection, by some other things» (Shakespeare, c. 1599: Act 1 Scene 2), aware that the amount of time spent looking at the window-displays is also time spent being looked at by said displays – a phenomenological window of sorts. Amazon learns about you so well it knows what you want and when, even before you do1 – and each quantifiable packet of data is fed back into the arcade so as to make it more responsive to you in particular, so much so that eventually, the inclination to ever leave the Postindustrial Arcades approaches nil, coaxed into the neurochemical opium dens of PornHub and iTunes. Thus the arcade becomes a promised land, a Land of the Lotus Eaters; ‘I am not leaving! Whatever for?’

Pleasure turns to anger swiftly, a response to the perceived d-anger; ‘Somebody is in control of me – I’ve lost my wits in sensuous stupefaction! My nervous system must be in the cloud, because I can’t look away. I have lost control.’ A sense of entrapment in the arcade arises, a flood of cortisol within the noble human metamorphosed into poultry animal, the feeling of the hunter caught in a trap, the useless anger at the self [and at the Other] for having been tricked, the blind rage of the disempowered in thrall to the sensuous energy of hatred – which is exactly what the windows now show. The arcade windows marvellously reflect my outrage, your outrage, our outrage: outrage perfectly timed and suited to me – and my sponsors – responsive to the here-and-now of my deepest, most ungovernable emotions! But what exactly changed my mood? Was the neurochemical response to danger my own, or was it a ‘sponsored’ thought, an Ad? Is this even my outrage?

The resulting helplessness in the face of our feelings, plugged-into the endless gilded cages of the Postindustrial Arcades, whose architecture is somehow pragmatic enough to accommodate functional tendencies from both Democracy and Fascism, could be called LiberFascism (i.e. a liberal technocracy of networked desire-slaves, imprisoned by technologically-augmented feelings in the data-mines of the new industrial workhouse – the Arcades – and governed by the evolutionary logic of chemical emotions.) Breitbart Media feeds you a story you literally cannot ignore, written as it was to provoke your particular anger. Truth is devalued only inasmuch as fake-news is worth more money. As Foucault famously speculated on how a people comes to desire its own repression (Deleuze, Guattari, 1972: 31; Deleuze, Foucault, 1972: 212), a good working answer might be to make the concepts of ‘freedom’ and ‘slavery’ functionally harmonious, identical or otherwise meaningless. The chattels of 21st Century neocolonialism are the evolutionary hard-wired links of human feeling, the survival instincts which served us individually and in groups, turned [against?] us; the slaves feel good and would feel terrible to leave the mines. Freedom and slavery hereafter become atavisms of a networked consciousness…

But now consider this Postindustrial Arcade as NeoSelf, an augmented self, technologically extended self: I am in the internet and the internet is in me. Although the territory of the arcades is dominated by corporate giants – both visible and shadowy – if they are partly in me, I must also be partly in them. The arcade is filled with infinite digital ‘windows’ through which to see this augmented self that resides ‘there’ in some way, extended by the internet, and by looking at your open tabs right now, your browser history or cookies, you can see the most superficial evidence of this online self. The unhelimlich feeling encountered by this experience of looking at yourself as Other, as property, is the recognition that what is bought and sold in these pretty windows is your data, your NeoSelf – you. In this Arcade our personal data-flow becomes commodity-value, ‘neo-liberalised’ and transported to great offshore, unregulated data silos in which, perhaps most unsettlingly, the mind ceases to be a private domain, finds itself contracted to numerous data-mines (Facebook, Instagram, FitBit, Google, etc.,) which impose their usage, access or content restrictions on your ability to think, on your ‘yes’ and ‘no’, thus enforcing ownership over the NeoSelf.

The previously sacrosanct territory of the private mind, now digitally extruded into the net, trades privacy for interconnectedness. Privacy becomes a fetish or a dream, and in these digital dreams our unconscious data-flows shape the internet into grottoes of anxiety or denial; or into the sadistic, violent indifference of the dark web; or into forgotten forums filled with rotten, ancient resent; or into fantasies of self-help leading inevitably to labyrinthine failures; or exits which are fake or only painted-on, guarded by neo-nazi trolls of the external and internal variety. This quasi-experience, in the farmed ecstasies of the NeoSelf in which entire structures of the unconscious mind become connected to the economy directly for the first time, unconsciously becoming-cyborg and enmeshed [before we know] it in an accelerating and thrilling techno-social melee, revealing in real-time unseen vulnerabilities – as well as potentialities – in the technologically-augmented human.

Our concern is with these deterritorialisations: of the online unconscious, of the browser browsed, reversed by the digital window into a mirror-image or doppelgänger, a becoming-mineral (silicon) into which an accelerating self watches proudly at the spectacle of its own augmentation, enhancement, interconnectedness, furious penetration and domination, transfixed by the grandeur of the great human animal reduced to petty spectacle of disenfranchisement, a cash-crop consciousness, a warning against the neocolonial politics of personal transparency, giving our data freely in exchange for tiny, neurochemical hits.

I Am In The Arcades, & The Arcades Are In Me

Neocolonialism and LiberFascism

Polito’s Royal Menagerie, Exeter ‘Change, Strand, 1812

His vision, from the constantly passing bars,

has grown so weary that it cannot hold

anything else. It seems to him there are

a thousand bars; and behind the bars, no world.

As he paces in cramped circles, over and over,

the movement of his powerful soft strides

is like a ritual dance around a center

in which a mighty will stands paralyzed.

Only at times, the curtain of the pupils

lifts, quietly–. An image enters in,

rushes down through the tensed, arrested muscles,

plunges into the heart and is gone.

(Rilke, 1902)

Rilke’s poem ‘Der Panther’ afford us a penetrating, reflective glimpse into the sadistic curiosity of the colonial mindset empowered by the tools and techniques of industrial modernism, in which the animal is separated from what it can do – its puissance – and the latter consequences for us as subjects of postindustrial humanity or of what might become of the noble animal ‘human’ once caged, domesticated and toothless. For this transformation to occur, the ‘Jardin des Plantes’ of Rilke’s panther – the simulated habitat for purposes of exhibition and sale – must be supplanted by the walled-garden of the new Postindustrial Arcades, an infinite pitcher plant drawing people in with the promise of rewards whilst retaining them for digestion. The operation that must occur is to hunt the hunter with the irresistibly coloured wobbling lures now available; tools that disarm, that turn instinct upon instinct, strength to weakness in a predictably corporate, neocolonial attitude to the connected members of the species via the exploitation of labour value, (i.e. the way in which Facebook rewards me with intelligently managed dopamine hits, not cash or credit,) and the tools for this unprecedented capture and retention of human interest are already in use.

The Postindustrial Arcades follow in the genealogy of the architectures of control, labour and correction, and the nearest equivalent is Jeremy Bentham’s famous Panopticon, inasmuch as optics, flow and security are the principles around which the architectural features of the ‘perfect’ prison are organised. The prisoner’s cell faces a mirror behind which it is not known if a guard is watching, therefore the prisoner assumes that s/he is always being watched and alters their own behaviour towards conformity to rule. However, the logic of Bentham’s design was more cunning in theory than in punitive practice, and the Panopticon design failed to proliferate. The improvement to Bentham’s design found in the Postindustrial Arcades though is significant; AI, Big Data and the personal internet devices used to harvest it and in which our attention, (the NeoSelf,) is caught. No fallible human guard is needed behind the two-way mirror of the digital window – AI can watch 24/7 – and already is. How much behaviour has already been mediated by the tacit assumption that the digital window is a recording surface for AI/big-data trawlers which are always recording and analysing every available data point, all of which is backwards-searchable and growing in resolution? When I am driving, I always slow down for a speed camera even though I am told that not all of them have a camera behind the mirror, (and this story is partly why speed cameras work.) The assumption that one is always being watched is augmented subtly by the stories coming from Silicon Valley, coupled with paranoia-building stories from those such as Edward Snowden demonstrate apparently concrete knowledge that now you are always being watched – by your smart TV, your smart phone, your smart coffee machine, your smart dildo – even if it isn’t true. This ‘concrete awareness’ may again be an assumption, an easy story to believe, no doubt – but could also be a logical fallacy, a simple trick like that of the Panopticon – most likely nobody is watching! ‘How can I know what to think? I am occluded by my own data!’ A painful spectacle it is to watch the human animal confounded by instinct, like the panther, on display for cash.

As I look through the window of my screen, that same window opens into me – and leeches my data out where it is processed and added to the composition of my online self, my NeoSelf. Cortana, Windows’ onboard AI assistant is literally there to discover everything about its user, record everything performed in front of the window, and feed it back to Microsoft – passively, at first, agreed – but learning all the while – networked and aggregated learning – approaching an understanding of its users so complex and rich in data, at speeds and orders of magnitude far beyond the comprehension of the un-augmented human mind, and all within rapidly decreasing timescales. Add to this already massive tap of data the increasing flow – nay, torrent – of information spewing from the nascent Internet of Things, crunched and recirculated throughout the ecosystem of the Net and, eventually, back into the screen which gathered the data it now re-presents and in which I can see my digested self, a pastiche, and one quickly sees that the idea of biological, natural privacy is already compromised, must be redefined.

These four walls, within which people’s private life is lived, constitute a shield against the world and specifically against the public aspect of the world. They enclose a secure place, without which no living thing can thrive. This holds good (…) for human life in general. Wherever the latter is consistently exposed to the world without the protection of privacy and security its vital quality is destroyed.

(Arendt,1958)

Augmented paranoia is a terrible rollercoaster which may never slow down: do parts of my nervous system already extend into the cloud, and does the private domain of my mind have a public IP? Will my thinking be economically viable without upgrading to a premium plan, or will my headspace forever be pimped-out to advertising placards, defaced by illegal political bill-posters, digital graffiti or hate-speech? Have the concepts ‘private space’ or ‘private self’ already been augmented so far that I am already aware that I exist in ever-diminishing degrees of self-autonomy and privacy? Further social engineering occurs. As I look again at the tabs open in my browser I see my digital workplace, high street, neighbourhood and community, all of which are subject to the divisive forces of gentrification, ghettoisation and policing. Within the the Postindustrial Arcades, these mind-malls, an interconnected isolation or separation from power within social media bubbles of the crypto-conscious mind becomes possible, the social divide widened perhaps permanently by genetic engineering and cyborg upgrades available only to the super-wealthy, or by dangerous imitations synthesised by hackers on the darknet. What’s left of your mind now resides in multiple corporate servers, (how much of it you will never know,) and is technically corporation property. It cannot be taken back.

Amazon is gathering such an incredible silo of personal data about each of its clients that, coupled with its AI systems, it will actually know what it’s customers are going to buy before they do, (and there will be no way to tell if the impulse to buy was a ‘sponsored thought’ or a naturally occurring one, whatever that may mean.) As facial-recognition technology proliferates and grows more sensitive, as human behaviours are made transparent by neural networks crunching through all the available data hoovered-up by the digital window, interpreting each tiny hesitation, each micro-expression of feeling against vast tranches of unconscious data points for the optimum understanding of you by corporate biometrics aggregators, it is you who become the arcade, the shop windows, the browsers, the products and the experience of all this. Alexa keeps me happy in lieu of pay on behalf of Amazon’s clients, dresses me up in my own shop window where I am helplessly trapped by narcissism in a perpetual act of self-display and courtship, where my goods – my data – is sold to prospective customers desiring access to my brain-stem. The first steps towards a cyborg, networked consciousness are faltering, hesitant; the instinct ‘…rushes down through the tensed, arrested muscles, plunges into the heart and is gone.

To have to fight the instincts – that is the definition of decadence: as long as life is ascending, happiness equals instinct.

(Nietzsche, 1990: #11)

That which could be said to be at the apex of right-wing fears – decadence, corruption, weakness, dispossession – are already part of the melee; fascism is the symptom of decline, the fear of its own tendencies, not the reinstatement of cultural authority. These powerful fears however already constitute a vast, distributed spectacle inside a changing news media, (such as ISIS, Trump, Brexit, etc.,) and are already marketed and sold alongside conspiracy and comment, are no less subject to the neurochemical promptings of the intelligent Postindustrial Arcades. What would a digital fascism look like, if such a thing is even conceivable? What re-action might be triggered from the growing sense of disempowerment caused by the awareness that our machines are making us ‘weaker’? The results of economic liberalism on the digital economy may spark the fear that genetic corruption, decadence of the will or some such weakening of the proud animal ‘human’ is the inevitable result of farming the human organism by digital means; if I can’t control my desires because half my nervous system is in the cloud, what sort of reactionary feelings might emerge from the perceived threat posed to the human animal? Will there be those who feel a need to toughen-up, unplug, or otherwise make something or other ‘great again’, feel as though they can take back control of their own psychological, social or physical borders? Will those on the frightened right react to their own inclinations, or those suggested by some right-wing social media bulldozer and its wholesale manufacture of relativistic, contingent and alternate realities?

For sure, whilst there are those in Silicon Valley who are developing the technological means to dismantle fascism permanently, there are of course those who seek the permanent end of democracy by technological means, and this may result in a pragmatic, working hybrid of the two tendencies. Breitbart Media’s fiction-production organs, coupled with the election-hacking capabilities of Cambridge Analytica produce an environment of relativistic data-nihilism; when personal outrage reaches the point whereby facts are replaced by CAPS-LOCK and alt-facts, when sponsored fake-news bots pay to access my personal ‘windows’ to deliver automatically generated stories which somehow always – always – flick my switch, push my buttons, raise my hackles, whatever – leave me outraged, disoriented and easily led. Biometrically measured weak spots and prejudices contained within my character profile convert the social media news feed in essence to an anti-social media – or even a National Socialist Media – due in part to the helpless outrage of paramilitary data-fascists, misogynists, racists; the troll populations lurking in the swamp of the comments sections, beneath internet superhighways and byways, a revolting hydra ready to defend the patriarchy by shitposting all over comments and forums when called-upon, permanently poised against the equally well-poised hydra of whatever headless network of terrorist cells with meaningless political affiliations is currently en vogue. And when my inclination to vote arrives in my head, does it comes via the sponsored tentacles of an invasive Lovecraftian domination-cult ‘guided’ by powerful yet insecure paranoiacs – people like Steve Bannon – already enslaved to each new conspiratorial fury or alt-fact circulating within the authoritarian right-wing?

The Unstitute and the Art of Escape

Avatars, Dissimulation, Burrows

Carceri Series, Plate XIV, Giovanni Battista Piranesi, 1745

In [Kafka’s] The Trial, it is once again a question of a determined machine like the single machine of justice; but its unity is so nebulous, an influence machine, a contamination, that there is no longer any difference between being outside or inside.

(Deleuze, Guattari, 1986)

The Unstitute-as-network retains an ambiguous appearance within a poetics of augmented space; it is a maze, a prison, a wreck, a facade – or at least looks partially like all of these. If we have conjured fantastical apparatus of capture and spaces of incarceration and correction within the confines of this article, it is perhaps less to do with accurate predictions of the future than it is to provoke these mental constructions of our trap – in order to imagine and build an approximation of that architecture online. Piranesi’s psychedelic prisons reveal the magic thinking of autocracy, of a perfect, absolute and overbearing incarceration no less than Bentham’s, and it is certainly interesting that the Panopticon enjoyed only limited success as an actual working prison2, but became an object of lasting theoretical concern primarily for philosophers, artists and others concerned by the relation between optics and power. Furthermore, the appearance of the Panopticon as the perfect prison is a valuable lesson for the artist; for style and appearance – cognitive dressing-up – have been cornerstones in the establishment of the anthropocene since the first jewellery made a person more attractive, the first music made an occasion more solemn, the first painting made images appear without dreams or drugs, or the first fiction enhanced the retelling of a memory3. The value of the artist, far from producing rarefied objects or political diatribes may eventually come to be recognised through the analogous function of camouflage or dissimulation.4 In order to protect Walter Benjamin’s Arcades project from invading nazi bibliophobes, George Bataille, librarian-surrealist and friend to Benjamin buried the manuscript in an ocean of information – inside the Bibliotheque Nationale. Mon dieu! To hide a subversive text in – the National Library!5

The Unstitute is proliferated by entrances and exits

We dig tunnels. We manufacture our selves and escape into them, through them, down them. There is no overarching plan to the networked superstructure of The Unstitute, but we know there must be enough ways for us to get out quickly when the need to escape arises. Sure, this edifice takes on all the characteristics of a labyrinth but this could simply be an appearance. To be sure, we are never satisfied that the labyrinth has reached a state of perfection, inasmuch as each new improvement reveals at least a dozen new weaknesses which must be counteracted on the instant; strategic alterations are hastily drawn-up; construction begins afresh; new weaknesses and blind spots are revealed; plans are abandoned – and yet oftentimes it is these unfinished avenues that constitutes the greatest confusion for the intruder and thus the greatest pleasure for us. Indeed, there is no way to achieve a full satisfaction that the perfect escape should be at all possible, for one can only know such things when a situation of escape is needful, and anyway, the escape itself is a by-product, an excuse for the architecture of escape.

Probably escape will never be needed – for who should assail us here? But such questions are irrelevant, for we are building upon the possibility of fallible design, and for this there is always much work to be done for the construction to be impregnable, or at least open to such a degree that manifold escape-routes meet the occasion or the nature of any intruder. Every escape we should ever need, every escape our cunning can decide, must be on hand – which predicates that also we ourselves must be in readiness to put this architecture to use without prior warning. Certainly this is not a home. The anxiety of the web, under presumption of being caught, is built into the superstructure itself and it is ambiguous whether the corridors, chambers or doorways constitute means-of-escape or modes-of-capture. What is trapped? The web and its dream-weavers produce innumerable sticky residues with which to tease and ensnare the nascent NeoSelf into a complex corporate mesh in which the recognition of self becomes increasingly identified with the networked nervous system, in which the sense of browsing becomes a sense of being groomed by Google. The Unstitute is a womb for the NeoSelf, a temporary, superficial buffer.

We work unceasingly on our traps, even if they are only painted-on, as in a cartoon, just a sequence of vignettes with a common emphasis upon the impression that there is no place here at all, just the appearance of a website, a derelict or useless space perhaps. An escape cannot be perfected, and thus neither can the architecture of escape. But above all, this escape is not towards freedom – for that is just a word – but to an exponential labour of movement through our selves; this Nomadology takes place within.

1 «Responsive retail has peaked, and we’re about to enter the era of predictive commerce. It’s time for retailers to help people find products in their precise moment of need — and perhaps before they even perceive that need — whether or not they’re logged in or ready to click a “buy” button on a screen. This shift will require designing experiences that merge an understanding of human behavior with large-scale automation and data integration». (Sharma, 2016)
2 «…there was an operational consequence [to the panopticon] that was much more serious, vividly described by a former Stateville inmate, Paul Warren.
‘They figured they were smart building them that way. They figured they could watch every inmate in the house with only one screw in the tower. What they didn’t figure is that the cons know all the time where the screw is…» (Warren,1953: 139)
3 «He [Merlin Donald] suggests that mimesis played a crucial role in human cognitive evolution, serving as the primary means of representing reality among the immediate ancestors of Homo sapiens, just prior to the emergence of language and symbolic thought» (Marder Kamhi, 2016)
4 «It could be said that the orchid imitates the wasp, reproducing the image in a signifying fashion (mimesis, mimicry, lure, etc.). But this is true only on the level of the strata — a parallelism between two strata such that a plant organization on one imitates an animal organization on the other. At the same time, something else entirely is going on: not imitation at all but a capture of code, surplus value of code, an increase in valence, a veritable becoming, a becoming-wasp of the orchid and a becoming-orchid of the wasp». (Deleuze, Guattari, 1987)
5 «
Intellectual despair results in neither weakness nor dreams, but in violence. It is only a matter of knowing how to give vent to one’s rage; whether one only wants to wander like madmen around prisons, or whether one wants to overturn them». (Bataille, 1929)

 

 

Bibliography

Arendt H., The Human Condition, University of Chicago Press, 1958
Bataille G.,
The Lugubrious Game, Documents, 1929
Benjamin W.,
The Arcades Project, Harvard University Press, 2002
Deleuze G., Guattari F., “Anti Oedipus” Section 2.5 pp. 98, 105, University of Minnesota Press, 1972
Deleuze G, Guattari F., Kafka: Towards a Minor Literature, University of Minnesota Press, 1986
Deleuze G., Guattari F., A Thousand Plateaus: Capitalism and Schizophrenia (Trans. Brian Massumi), Minneapolis: Minnesota Press, 1987
Marder Kamhi M., Art and Cognition: Mimesis vs. the Avant Garde reprinted in After the Avant-Gardes: Reflections on the Future of the Fine Arts, (Ed. Elizabeth Millán), Open Court, 2016
Nietzsche F., The Twilight of the Idols (Trans. R.J. Holingdale) Penguin Classics, 1990
Rilke R.M.,
The Panther, (Trans. Stephen Mitchell), 1902
Shakespeare W., Julius Caesar, Everyman Library, c. 1599
Sharma A., How Predictive AI Will Change Shopping, Harvard Business Review, November 2016
Warren P., Next Time is for Life, New York, 1953

 

Rilke R.M., The Panther, (Trans. Stephen Mitchell), 1902
Shakespeare W., Julius Caesar, Everyman Library, c. 1599
Sharma A., How Predictive AI Will Change Shopping, Harvard Business Review, November 2016
Warren P., Next Time is for Life, New York, 1953

Daniel O’Reilly is co-founder of The Unstitute: an online art lab for networked cultural research and radical collaboration operational since 2011. Personal projects take the form of Worlds; large, imaginary détournement through bubbles of alternate realities accessible via the browser window, plus numerous experimental works of video, fiction, philosophy and music accessible at The Unstitute. Collaborative works available on the site include The Projection Room, a monthly screening of videos chosen from open submission; UN[dis]criminate, a video refugee camp exploring shifting geopolitical landscapes; [dis]corporate bodies, a monthly series of curated online group exhibitions; #Strategies, artists’ texts published in our monthly ‘zine; Vidiot, an architecture of looking and seeing constructed from windows and eyes. He lives and works in Catalonia with artist and co-founder Marianna O’Reilly and their daughter.

www.theunstitute.org

Networked practices and virtual projects at The Unstitute include:

WORLDS | LIEBRATORY | PARTICIPATION

Continua